Il sangue di San Gennaro non si è sciolto. Che significa?

Il miracolo di Napoli non si è verificato e il sangue di San Gennaro non si è sciolto. Ora cosa succederà?

Il sangue di San Gennaro non si è sciolto. Il miracolo a Napoli non si è rinnovato e ora in molti si chiedono cosa possa significare tutto questo. L’evento straordinario che si ripete tre volte l’anno questa volta ha lasciato tutti delusi e amareggiati. Il sangue liquefatto di San Gennaro si verifica solitamente il 19 settembre, il giorno del martirio del santo, il 16 dicembre, nell’anniversario dell’eruzione del Vesuvio avvenuta nel 1631, quando la leggenda vuole che il santo fermò la lava e infine il sabato precedente la prima domenica di maggio, in occasione della traslazione del corpo.

La liquefazione non è sempre avvenuta e solitamente questo fatto è considerato un segno di sciagura. Come è accaduto lo scorso 16 dicembre 2016 quando, durante la cerimonia culminata con la processione, il sangue del patrono di Napoli non si è liquefatto. Il miracolo sarebbe dovuto avvenire alle 16,30, ma non c’è stato. Alle 19, dopo vari tentativi, l’ampolla è stata rimessa  nella teca in cui è custodita nella Cappella del Tesoro di San Gennaro, nel Duomo di Napoli. “Non dobbiamo pensare a sciagure e disgrazie – ci ha tenuto a dire monsignor Vincenzo De Gregorio, tentando di placare l’ansia dei fedeli -. Noi siamo uomini di fede e dobbiamo continuare a pregare”.

Non è la prima volta che il sangue di San Gennaro non si scioglie. Già in passato era accaduto un fatto simile e sempre in presenza di fatti storici gravi o di sciagure per la città di Napoli. In particolare nel settembre del 1939 e del 1940, quando scoppiò la seconda guerra mondiale e l’Italia entrò a far parte del conflitto, ma anche nel settembre 1943, quando i nazisti occuparono l’Italia. Il sangue di San Gennaro rifiutò di sciogliersi anche nel settembre del 1973, quando a Napoli arrivò il colera e nel settembre del 1980, quando ci fu il terremoto in Irpinia.

Per i fedeli però c’è ancora  speranza, visto che molte volte il sangue di San Gennaro si è sciolto dopo la cerimonia. Un esempio è il 1799, quando Jean Étienne Championnet, Generale di Napoleone, riuscì ad  entrare a Napoli, superando la resistenza dei cittadini. Il generale ordinò di aprire le chiese e, non appena l’ampolla con il sangue del santo finì fra le sue mani, questo si sciolse.

Il sangue di San Gennaro non si è sciolto. Che significa?
Fonte: Instagram

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti