Sapete come sono nate le bustine di tè?

Pratiche e ormai irrinunciabili per gli amanti del tè, ecco la loro storia

11 Giugno 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Le persone bevono tè da quasi 5000 anni. Secondo Coffee Tea Warehouse, la bevanda fu scoperta per la prima volta dall’imperatore Shen Nung in Cina nel 2732 a.C. e da allora è diventata una delle bevande più popolari al mondo. Oggi la maggior parte di noi lo consuma attraverso le bustine, che rilasciano il tè a contatto con l’acqua calda senza però far rimanere nella tazza le foglie. Eppure le bustine sono arrivate molto dopo che le foglie di tè erano state utilizzate per la prima volta per aromatizzare l’acqua calda.

Per gran parte della storia umana, il tè è stato prodotto preparando foglie di tè sfuse in una pentola di acqua bollente e poi filtrando il residuo, secondo la UK Tea and Infusions Association. Quindi furono ideati piccoli contenitori di metallo con catene attaccate per contenere le foglie di tè e rimuoverle facilmente una volta che il tè si era inzuppato. Ciò fino all’inizio del XX secolo, quando la pratica bustina di tè fu scoperta completamente per caso.

Secondo la UK Tea and Infusions Association, le primissime bustine di tè furono inventate da un commerciante di tè con sede a New York di nome Thomas Sullivan. Siamo più o meno intorno al 1908. Mentre cercava di fare campioni per i suoi clienti, Sullivan decise di distribuire piccole quantità del suo tè in bustine di seta per farlo provare alle persone. I clienti hanno iniziato a utilizzare le bustine nello stesso modo in cui usavano i contenitori di metallo riutilizzabili e molti hanno presto scoperto di preferire questo comodo metodo per preparare il tè.

Con poche modifiche in più, incluso il cambio del materiale dalla seta alla garza più resistente, è stata inventata la moderna bustina di tè. Ne esistevano di due diverse dimensioni: una più grande destinata ad essere immersa in un’intera teiera e una più piccola per uso personale.

Negli anni ’20 le bustine iniziarono a essere vendute. Il materiale è stato cambiato in carta ed è stata aggiunta una piccola stringa per una facile rimozione dalla tazza, ma da allora sono state apportate relativamente poche modifiche all’invenzione delle bustine di tè.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti