Sapevi che le api possono urlare?

Piccole, laboriose e preziose per l’ecosistema, anche le api sanno farsi sentire.

18 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Le api sono animali preziosissimi per la buona salute degli ecosistemi e la loro organizzazione è particolarmente complessa. Ora, una ricerca pubblicata sulle pagine della rivista specialistica ‘Royal Society Open Science’ ci rivela qualche dettaglio in più su una capacità delle api che forse non conoscevamo.

Il linguaggio di questi animali, riferisce focus.it, è fatto di movimenti corporei e vibrazioni delle ali che, insieme, riescono a comunicare ogni tipo di informazione ai propri simili. Per esempio, le api sanno riportare al loro alveare l’esatta posizione di un fiore così come la vicinanza di una presenza pericolosa. Proprio in caso di pericolo riescono a lanciare un segnale di allarme che è stato attentamente studiato nell’indagine in questione.

Ebbene sì, le api sanno anche urlare, cosa che avviene nel momento in cui si avvicina una vespa il cui attacco potrebbe essere fatale per la sopravvivenza. Alcuni esemplari di api operaie, infatti, iniziano a emettere un suono preciso che nasce dalla vibrazione a una certa frequenza di ali e torace. Si parla, in particolare, di ‘antipredator pipes’, ovvero di fischi contro i predatori – le vespe per l’appunto – con cui l’intero alveare viene messo in allerta.

La ricerca ha analizzato le abitudini dell’ape orientale ma non si esclude che anche altre specie possano comportarsi in modo analogo. Attaccate da due tipologie di vespe con abitudini di attacco diverse, queste api hanno prodotto migliaia di segnali tra i quali un brusio che si amplifica anche sette volte rispetto al livello normale in caso di attacchi di vespa.

Acuti e irregolari, questi segnali d’allarme avvisano la colonia che viene allertata anche da movimenti frenetici al di fuori dell’alveare. Un comportamento che si acuisce quando le vespe nei paraggi sono più numerose e, quindi, potenzialmente più lesive.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti