Savona, cercasi 'staffettisti' per trasporto animali

La Protezione Animali di Savona cerca persone che si offrano gratuitamente di trasportare animali feriti: ecco l'appello.

14 Maggio 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123RF

Gli animali sono in pericolo e la Protezione Animali lancia un appello per la ricerca di ‘staffettisti’. Succede in questi giorni a Savona, dove l’ENPA – l’Ente Nazionale Protezione Animali – si occupa quotidianamente di raccogliere e salvare “animali selvatici feriti, malati ed in difficoltà in tutta la provincia”. La pandemia ha però causato rallentamenti e difficoltà nelle attività solite dell’associazione, che ha quindi diramato un comunicato in cui chiede l’aiuto della popolazione, perché è in cerca “di un servizio gratuito di ‘volontari staffettisti’”.

Il loro ruolo? Quello di aiutare “a far arrivare a destinazione gli animali soccorsi nel più breve tempo possibile”. “Le maggiori esigenze provengono dalle zone di Albenga, Finale Ligure e della Valle Bormida” e l’esigenza principale è quella di “ portare gli animali raccolti giornalmente dai volontari locali alla sede di Savona dove vengono ricoverati e curati”.

“Lo ‘staffettista’ ideale potrebbe essere un rappresentante, un trasportatore o un pendolare – recita ancora il comunicato – che giornalmente va e viene per lavoro, anche in treno o in corriera, meglio ancora se con auto o moto propria, al quale verrebbero affidati piccoli trasportini o scatole traforate poco ingombranti, da trasferire al reparto di cura di via Cavour 48 r a Savona”.

Insomma, i volontari sarebbero dei veri e propri corrieri, che aiuterebbero moltissimo la Protezione Animali a spostare – o sarebbe meglio dire ‘trasportare’ – gli animali feriti e salvati nelle varie zone della Liguria alla sede adibita per le cure e situate a Savona. Gli spostamenti sono infatti probabilmente molto difficoltosi a causa dei divieti in atto e sarebbe utile all’associazione poter usufruire di chi già è costretto a spostarsi per motivi di lavoro.

In tempo di Coronavirus, è un gesto piccolo che potrebbe fare molta differenza.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti