Schwazer, la gioia dopo l’amarezza

Buone nuove per l’altoatesino che non ha potuto partecipare a Rio 2016.

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Getty Images

Dopo l’amarezza per la squalifica di 8 anni Alex Schwazer può finalmente tornare a sorridere.

Il marciatore altoatesino diventerà presto papà: la fidanzata Kathrin Freund, che tanto ha sostenuto Alex negli ultimi difficili momenti, è in dolce attesa.

La conferma è arrivata proprio dallo staff del marciatore altoatesino che in questi giorni si trova proprio in vacanza con la compagna Kathrin, una estetista di Vipiteno.

Una notizia davvero positiva per Schwazer dopo gli ultimi tribolati mesi: lo scorso 10 agosto infatti Il Tas, Tribunale Arbitrale dello Sport, ha deciso di confermare la pena inflitta al marciatore da parte dello Iaaf: 8 anni  di  squalifica e carriera praticamente finita.

Una sentenza davvero dura per l’atleta che si trovava a Rio con la speranza di un ribaltone da parte del Tas per poi poter prendere parte alle competizioni.

Per il marciatore si tratta della seconda squalifica dopo quella inflittagli alla vigilia dei Giochi Olimpici di Londra del 2012: la recidività è stata un fattore importante che ha fatto si che la pena fosse davvero pesante.

La reazione di Schwazer una volta appresa la notizia  ha ceduto e ha lasciato trasparire il suo stato d'animo: "Sono distrutto", ha dichiarato consapevole di aver chiuso la sua carriera.

Il suo entourage ha poi aggiunto altri dettagli alla prima reazione del marciatore altoatesino: dopo aver pronunciato quella frase laconica, sarebbe rimasto in silenzio per 45 minuti.

Anche il tecnico del marciatore altoatesino ha commentato in maniera dura la sentenza del Tas: “Non ci importa nulla di quanti anni sono, posso solo dire che è stata accolta la tesi della Iaaf”.

All'Agi l'avvocato Thomas Tiefenbrunner, legale dell'atleta, ha assicurato che non è finita qui: "Siamo delusi ma andremo avanti a trovare la verità con l'esame del Dna e quant'altro. Otto anni perchè è recidivo".

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti