Scoperta l'arte più antica del mondo: era dei Neanderthal

In Spagna sono state scoperte le pitture più antiche del mondo, a realizzarle furono i Neanderthal

Chi ha inventato l’arte? Gli studiosi non hanno più dubbi e sono convinti che la risposta sia solo una: i Neanderthal. Lo dimostrano alcune pitture realizzate 65 mila anni fa e rinvenute in tre grotte in Spagna.

Sino ad oggi gli esperti erano convinti che fossero stati i Sapiens i primi a realizzare delle pitture, ma, a quanto pare, si sbagliavano. All’interno delle caverne sono stati rinvenuti dei disegni che rappresentano delle figure armate di mani e clave, realizzate in ocra e nero. In una quarta grotta invece gli archeologi hanno trovato centinaia di conchiglie colorate di rosso.

Ciò significa che, come hanno sottolineato gli antropologi, il loro cervello era così evoluto da consentire il linguaggio e il pensiero simbolico.  I Neanderthal dunque sapevano ragionare in maniera astratta proprio come i Sapiens.

Le grotte sono quelle di La Pasiega a nord-est della Spagna, di Maltravieso a ovest e Ardales a sud. Le conchiglie rosse utilizzate come gioielli invece si trovavano a la Cueva de los aviones, una caverna vicino al porto di Cartagena, nei pressi di Murcia.

La scoperta è stata raccontata sulle pagine della rivista “Science”. “L’arte è uno degli ingredienti che ci rendono umani – ha spiegato lo studioso Dirk Hoffmann, esperto di preistoria presso l’Istituto Max Planck di Lipsia -. Non avendo una funzione pratica, ma simbolica, segna uno dei passaggi fondamentali della nostra evoluzione”.

“I Neanderthal erano considerati umani inferiori, incapaci di produrre un linguaggio e limitati alla soddisfazione dei bisogni vitali – ha aggiunto Diego Angelucci, geoarcheologo dell’università di Trento -. Gli ornamenti dipinti erano considerati imitazioni dai Sapiens, eseguite senza capire”.

Le pitture sono state datate utilizzando un metodo nuovo denominato dell’uranio-torio che ha consentito agli esperti di tornare indietro nel tempo sino a 500 mila anni. In passato invece il radiocarbonio arrivava sino a 40-45mila anni fa, l’epoca in cui i Sapiens colonizzarono l’Europa.

Per questo motivo molti ritrovamenti non erano stati datati nel modo giusto e questo aveva contribuito a creare dei falsi miti riguardanti i Neanderthal.

pitture Neanderthal

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti