Sei cucciolate di orsi bruni: è boom di nascite sui Pirenei

È boom di nascite sui Pirenei, dove si registrano sei cucciolate di orsi bruni con dodici piccoli fra le regioni della Catalogna e dell’Ariege.

25 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

È l’associazione delle guardie forestali spagnole a dare il lieto, anzi lietissimo, annuncio: lungo i Pirenei si registrano ben sei nuove cucciolate di orsi bruni. I nuovi nati sono in totale dodici e sono distribuiti lungo l’arco montagnoso tra la Catalogna e la regione francese dell’Ariege. Un evento prezioso, soprattutto se si considera che la specie era stata reintrodotta nel 1996 e oggi arriva a contare più di cinquanta esemplari censiti.

Il precedente conteggio ufficiale (di aprile 2020) già evidenziava un aumento della popolazione che solo venticinque anni fa era ridotta a una dozzina di animali e destinata, quindi, all’estinzione. Ora, i dodici cuccioli confermano il trend in crescita e fanno registrate un record che supera quello dello scorso anno, quando i nati erano stati “solo” dieci.

E queste cifre vanno sommate alla riduzione del numero di attacchi da parte degli orsi nei confronti di altri animali come capre, pecore e alveari. La rilevazione degli agenti della forestale sul territorio aragonese, in collaborazione con la Fondazione Orso Bruno, fa quindi il punto sullo stato di salute della specie che godrebbe della grande quantità di ghiande, faggiole e castagne a disposizione in questi mesi.

La dieta degli orsi bruni, infatti, è per il 90% vegetale e questo tipo di flora rientra nelle loro abitudini alimentari preferite. Per i nuovi nati, quindi, non ci saranno problemi di approvvigionamento, soprattutto sui Pirenei francesi che abbondano delle loro leccornie più amate.

Le femmine Sorita e Claverina, reintrodotte in Aragona dalla Francia, sono state rilasciate proprio per favore la riproduzione della specie nella zona occidentale della catena montuosa popolata soprattutto da esemplari maschili. Ma chi sono i papà? Neré, Rodri, Canelito e Bearn sono i quattro maschi dell’area a cui si attribuisce la paternità delle ultime cucciolate. La famiglia si è davvero allargata.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti