Sempre più persone muoiono scattandosi un selfie

Una ricerca ha svelato come nel mondo siano sempre di più le persone che perdono la vita scattandosi un selfie

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Pixabay

Sono sempre più le persone che muoiono scattandosi un selfie. Secondo una recente ricerca il numero di morti provocate dal tentativo di fare un autoscatto con lo smartphone è aumentato a dismisura, passando da 15 del 2014 a 39 del 2015, sino ad arrivare alle 73 morti avvenute nei primi 8 mesi del 2016.

Ciò significa che negli ultimi due anni circa 127 persone sono morte scattandosi un selfie, spesso in posti decisamente pericolosi, come edifici alti o in acqua. La metà delle morti sono avvenute solo in India, dove si registra un alto tasso di mortalità causato dai selfie.

A guidare la ricerca che ha messo in luce questo aspetto terrificante legato alla mania dell’autoscatto è stato Hemank Lamba, dottorando della Carnegie Mellon University di Pittsburgh. Insieme ad altri studiosi ha analizzato i dati riguardanti le morti connesse ai selfie, allo scopo di capire quali fossero i soggetti a rischio e dove si trovassero.

Lo studio ha anche suggerito la creazione di un’applicazione che possa avvisare i proprietari di smartphone quando si stanno scattando un selfie in una zona pericolosa, spingendoli a non correre pericoli inutili. L’app sarebbe in grado di identificare quando un soggetto vuole farsi una foto in un luogo pericoloso, come i binari di una ferrovia oppure il ciglio di una montagna, inviando un avviso. Ad oggi l’app ha analizzato oltre 3mila selfie, identificando esattamente il 70% delle volte i pericoli connessi.

Il gruppo più a rischio riguarda i soggetti fra i 20 ed i 24 anni (con 45 morti), mentre 41 decessi sono avvenuti fra chi aveva meno di 20 anni, infine 17 morti a causa dei selfie avevano più di 30 anni. Il maggior numero di decessi è stato registrato in India con 76 persone, molte delle quali sono annegate nel Mar Arabico, tanto che l’area è stata dichiarata “No Selfie Zone”.

Al secondo posto il Pakistan con 9 morti, mentre gli Stati Uniti hanno raggiunto il terzo posto con otto decessi. La ricerca ha rivelato anche le cause della morte in ogni paese: in India in molti sono morti in acqua o sui binari della ferrovia, negli Usa e in Russia invece in tanti hanno perso la vita scattandosi un selfie con armi in pugno.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti