Sequestrato il tesoro di Felice Maniero l'ex capo della Mala del Brenta

Perquisizioni in tutta Italia

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 17 gen. (askanews) – Sequestrato il tesoro di Felice maniero, l’ex capo della Mala del Brenta: il nucleo speciale polizia valutaria della guardia di finanza di Roma sta conducendo perquisizioni e sequestri di beni mobili, conti correnti e immobili anche di pregio, in tutta Italia, smantellando una rete di prestanome riconducibili alla famiglia del boss, che secondo l’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Venezia, ha gestito l’immenso patrimonio criminale accumulato da Maniero fino alla fine degli anni Novanta (circa 33 miliardi di lire dell’epoca).

La Direzione distrettuale antimafia della Procura di Venezia, avvalendosi dei militari del nucleo speciale polizia valutaria della guardia di finanza di Roma, dall’alba sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e un decreto di sequestro preventivo “nei confronti di soggetti gravemente indiziati di riciclaggio di proventi illeciti e intestazione fittizia di beni, aggravati dalla finalità di agevolare Felice Maniero, ex vertice dell’associazione criminale di stampo mafioso denominata Mala del Brenta”.

Sono quindi in corso in tutta Italia numerose perquisizioni nei confronti di diversi soggetti e l’esecuzione di sequestri di beni immobili, mobili e disponibilità finanziarie.

“L’indagine – spiega la Gdf – iniziata nei primi mesi del 2016, ha individuato alcuni prestanome, riconducibili alla famiglia del boss malavitoso nordestino, che avrebbero gestito l’immenso patrimonio criminale accumulato da Maniero fino alla fine degli anni Novanta (circa 33 miliardi di lire dell’epoca) diversificandone il piazzamento, acquistando immobili di notevole pregio e mascherandone l’origine illecita attraverso una pluralità di rapporti finanziari”.

È stato anche scoperto “il contributo professionale di un promotore finanziario che ha attivamente partecipato al ‘mascheramento’ e al riciclaggio di parte consistente dei beni illecitamente accumulati”.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti