Shima enaga, gli uccelli che sembrano batuffoli di cotone

Vivono in Giappone e sono l'emblema della tenerezza

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Se avete voglia e bisogno di un po’ di tenerezza allora abbiamo quel che fa per voi. Oggi infatti vi portiamo alla scoperta degli Shima enaga, piccoli uccelli giapponesi che sembrano dei batuffoli di cotone. Resistere al loro fascino è praticamente impossibile e vi troverete a desiderarne uno nel giro di pochi secondi. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di loro (questi animali invece sono davvero poco fotogenici)

Gli Shima enaga (il nome scientifico è Aegithalos caudatus) vivono sull’isola di Hokkaido, in Giappone, e già solo a vederli danno l’impressione di avere a che fare con dei morbidissimi batuffoli di cotone.

Questo uccello è un tipo di codibugnolo, ossia un passero dalla coda lunga (in inglese è infatti conosciuto anche con il nome di Long-tailed). Molte sottospecie possono essere avvistate anche in Europa. L’isola giapponese di Hokkaido però è la sua dimora ideale, perché è ricca di fauna selvatica preservata. Un habitat che a dire il vero è perfetto anche per altri tipi di animali, come lo scoiattolo volante.

L’habitat dello Shima enaga (o Long-tailed che dir si voglia) di solito è costituito da boschi di latifoglie e misti, ma questi deliziosi pennuti amano anche prati fluviali, terreni agricoli, parchi e giardini. È possibile trovarne di vari colori, anche se in Giappone vanno per la maggiore soprattutto quelli bianchi e neri. La loro caratteristica è quella di avere un corpo davvero minuscolo, ma facile da riconoscere grazie alle lunghe code. Tutto ciò fa di loro probabilmente gli uccelli da giardino più adorabili.

I codibugnoli, infine, sono uccelli che usano molto il richiamo vocale: durante i loro spostamenti si tengono in contatto vocale costantemente. Il loro verso è una sorta di “srih-srih-srih” sibilante, che si fa più sonoro e veloce ogni volta che un esemplare si trova isolato o si trova a percorrere tratti di terreno aperti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti