Si chiama “tristezza del giorno dopo” e capita di viverla a tutti

Se ne è parlato per la prima volta dopo l'eclissi lunare del 2017: ecco cos'è l'inspiegabile depressione che arriva dopo un evento emozionante

Dopo un evento particolarmente piacevole, coinvolgente o atteso può capitare di sentirsi tristi e depressi: è successo a tutti e magari abbiamo dato la colpa alla stanchezza. Una situazione tipica è il rientro dalle vacanze (a proposito, fanno bene ma soltanto se eviti questi errori): ci sentiamo doppiamente stressati, ma anche tristi, quando torniamo al lavoro.

La spiegazione esiste, è scientifica e risiede nel nostro cervello: improvvisamente diminuiscono i livelli di cortisolo, un ormone che è legato allo stress e che si attiva anche quando ci troviamo in uno stato di allegria o euforia. Quando improvvisamente il cortisolo cade a picco, può capitare di sentirsi particolarmente tristi.

Scatta poi anche una sorta di meccanismo di comparazione: se abbiamo vissuto qualcosa di particolarmente emozionante (può essere anche la partita di calcio tanto attesa o un appuntamento galante), la vita quotidiana ci sembrerà ancora più brutta e scialba.

Se ne è parlato dopo la grande eclissi lunare del 21 agosto del 2017: sembra che dopo la grande emozione migliaia di americani si siano ritrovati svuotati, tristi e depressi.

Se è vero che la depressione è la principale causa di disabilità nel mondo, è anche vero che qui parliamo di un fenomeno passeggero, da combattere a suon di amore, esercizio fisico e yogurt!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti