"Sinnò me moro" è il primo estratto di Enemy: ecco il testo

Si intitola "Sinnò me moro" il primo singolo estratto da "Enemy", il nuovo album di Noyz Narcos

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

In queste ore è uscito il primo estratto di “Enemy”, il nuovo album di Noyz Narcos. La canzone si intitola “Sinnò me moro” ed è prodotta da Night Skinny. Il disco, che secondo quanto dichiarato il rapper potrebbe essere l’ultimo della sua carriera, uscirà il 13 aprile.

Nel frattempo possiamo ascoltare il primo singolo (che riprende un brano di Gabriella Ferri) di questo nuovo lavoro in studio che promette di rivoluzionare, ancora una volta, il mondo della musica. “Enemy” contiene 15 brani e ha una copertina in stile horrorcore realizzata da Alessandro Maida, in arte Scarful, che aveva già realizzato l’artwork di Verano Zombie e Guilty.

Ecco il testo di “Sinnò me moro”:

Ogni stronzo su ‘sto mondo dovrebbe ascoltarla
Lacrime d’inchiostro addosso, la mia penna parla
Su carta porto una fotografia
Ecco perché s’ascoltano la roba mia
Cannone in auto in galleria
Gesù Cristo ‘n’ha mentito e l’hanno crocifisso
Vuoi un quadro dettagliato della merda c’ho visto
Stasera ci sto, metti Noyz +10 in lista back
Le catene pesano, proteggi er neck
L’oro brilla sempre, ma un cristiano prima o poi si spegne
Luccica soltanto in cielo tra le stelle
Come se senti un gospel
Adesso esplodo sto per
Prova’ ‘n assaggio de ‘sta roba
Daje forte Monster
Non giudicare un libro dalla cover
Sangue all over
Pe’ ‘sta merda ho ancora troppo cuore, troppo hardcore
Pe’ ‘ste passerelle fashion c’ho ‘na bad session
Prega che ‘n te svegli freddo sotto a ‘n cipresso
Squaglio la nave, la lascio affondare
La bocca tiene il pugnale
Io lo conosco bene il fondale
Niente scrigni, né gioielli
Del resto non è questo che sognano i pischelli (come me)
E non c’ave’ paura che il traffico scorre
E al massimo so’ du’ madonne sulla via
Voglio resta’ co’ te stanotte famo mattina
Roma è tutta nostra, accosta metto benzina

“Vojo resta’ co’ te
Sinnò me moro
Vojo resta’ co’ te
Sinnò me moro”

Le meglio stelle, brillano ‘ste luci
Storie maledette di ragazzi truci
E tutti i soldi che bruci a cosa so’ serviti
Almeno ti racconteremo che se semo divertiti da pischelli
Pasta, uova e pork belly
Per colazione in hangover non sbagli
E occhio a come la tagli
Metti fogli in contanti a ventagli da cento
Pe’ ‘l sound più coatto al momento
Fuori è una piscina congelata e non mi piace più
Gomiti al bancone bevo Malibu
Mari blu, lisci olio
Ridi tu, io odio
Sempre tutto e non so’ mai appagato
Lo vedi dalla boccia di gin che ho svuotato
Me manca zona mia
Le cose che ho lasciato
Un bacio a mamma mia
Anche stanotte dormo preoccupato

Dormo preoccupato
Dormo preoccupato
Anche stanotte dormo preoccupato
Un bacio a mamma mia
Anche stanotte dormo preoccupato

“Vojo resta’ co’ te
Sinnò me moro”
(Anche stanotte dormo preoccupato)
“Vojo resta’ co’ te
Sinnò me moro
Moro, moro, moro”
(Anche stanotte dormo preoccupato)
“Vojo resta’ co’ te
Sinnò me moro”

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti