Spara all'ex moglie e al compagno: aveva già ucciso 26 anni fa

Scontata la pena per l'omicidio della prima consorte

Napoli, 12 gen. (askanews) – Giuseppe Antonucci, il 54enne che ha sparato all’ex moglie e al compagno di lei al Centro direzionale di Napoli, era stato condannato a venti anni di reclusione per omicidio doloso nel 1993. I fatti che gli furono contestati risalgono all’uccisione della sua prima moglie, Loredana Esposito. La donna, il 25 gennaio 1991, fu accoltellata mortalmente dall’uomo nel corso di una lite. In quell’occasione, nell’abitazione della coppia al Rione Luzzatti del capoluogo campano, furono feriti anche la suocera e il cognato di Antonucci. Loredana Esposito aveva 22 anni ed era madre di una bambina di pochi anni.

L’uomo fu arrestato e condannato nel 1993. Fu poi scarcerato il 2 febbraio 2003, dopo aver scontato la pena tra carcere e ospedale psichiatrico giudiziario. La Corte d’Assise, infatti, riconobbe la seminfermità mentale all’imputato. Poi le nozze con Rosaria Montaniello dalla quale ha avuto due bambine che adesso hanno 10 e 12 anni.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti