Cosa sappiamo finora su “Star Trek” by Quentin Tarantino

Nuovo capitolo di Star Trek, alla regia il regista Quentin Tarantino. Cosa sappiamo finora della nuova pellicola

Due miti a confronto: “Star Trek” e Quentin Tarantino sono una coppia che ci può regalare grandi emozioni.

Il genio dietro film cult come “Pulp Fiction” si metterà alla prova per dirigere un capitolo della saga di fantascienza. Fare dei pronostici su come potrà essere il film sarebbe sbagliato e molto probabilmente fuorviante, perché da Tarantino ci si può aspettare di tutto. Inoltre questa sarebbe la sua prima prova con la fantascienza. Però possiamo parlare di quello che già è noto.

Star Trek è un vero e proprio cult:  è nato come serie televisiva (la prima puntata andò in onda nel 1966) costituita da 726 episodi registrati e 13 film, l’ultimo in ordine di tempo è stato “Star Trek Beyond” diretto da Justin Linn, ma prodotto dalla Bad Robot di J. J. Abrams. Proprio da quest’ultimo sono stati diretti i due film precedenti, “Star Trek” e “Into Darkness”. La Bad Robot sarà presente come casa di produzione anche del capitolo che porterà la firma di Tarantino.

Ancora non ci sono notizie certe in merito al cast del film, qualche rumors è arrivato però dall’attore Zachary Quinto che nel reboot interpreta il mitico Spock. Precedentemente sembrava che il cast scelto andasse in direzioni totalmente nuove, oggi invece, sulla base di alcune sue dichiarazioni, sembra che le cose siano cambiate. Sul grande schermo potrebbero quindi tornare gli attori che hanno preso parte alle ultime pellicole a partire dal 2009. Le sue parole in merito al cast, che sono state riportate da ScreenRant, sono state: “Presumo che sia con noi. Così ci è stato presentato”. Parole poi riprese ed ampliate nel  podcast Happy Sad Confuse, dove ha ricordato che per ora non c’è nulla di certo ma che l’idea di base del regista era quella di continuare a usare lo stesso cast. Sembra che Tarantino abbia già incontrato gli sceneggiatori Lindsey Beer, Drew Pearce e Mark L. Smith. Avrebbe inoltre richiesto il divieto per i minori di 17 anni (Rated – R) non accompagnati dai genitori, richieste a cui sia la Paramout che J. J. Abrams avrebbero acconsentito.

Al momento il regista, noto per film come “Pulp Fiction” e “Kill Bill” solo per citarne due, è impegnato in “Once upon a time in Hollywood” pellicola con attori del calibro di Brad Pitt, Leonardo di Caprio e Al Pacino che racconterà del noto criminale Charles Manson.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti