Svelato il mistero di Ata, lo scheletro "alieno"

Gli scienziati hanno svelato il mistero di Ata, il minuscolo scheletro ritrovato nel deserto del Cile che sembrava quello di un alieno

Gli studiosi hanno finalmente svelato il mistero di Ata, lo scheletro alieno ritrovato diverso tempo fa nel deserto di Atacama, in Cile. Si tratta di uno scheletro minuscolo e mummificato, con il cranio sproporzionato, che faceva sembrare il corpicino quello di un alieno.

Il ritrovamento di Ata aveva scatenato teorie e ipotesi molto particolari. In tanti erano convinti si trattasse di un extraterrestre, arrivato sulla Terra e morto secoli fa. Gli studiosi però hanno dimostrato che non è così effettuando l’analisi del DNA e risolvendo l’enigma.

A quanto pare si tratta dello scheletro di una neonata affetta da deformità e da nanismo. “Sappiamo che è una bambina e probabilmente vi fu un parto o una morte pre o post-termine” ha spiegato Garry Nolan, professore di microbiologia e immunologia nella prestigiosa Stanford University School of Medicine e autore dello studio di Genome Research.

Il corpo mummificato presenta molte stranezze Prima di tutto 10 coppie di costole, mentre gli esseri umani ne hanno solitamente 12. Analizzando il DNA estratto dal suo midollo osseo, gli studiosi hanno scoperto che Ata aveva origini sudamericane “con variazioni genetiche che l’hanno identificata come proveniente dalla regione andina abitata dagli indiani cileni chiloti”.

La scoperta è molto interessante, perché potrebbe anche aiutare moltissime persone che sono affette da disturbi alle ossa. “Forse c’è un modo per accelerare la crescita delle ossa nelle persone che ne hanno bisogno – ha detto Nolan -, per esempio in caso di brutte fratture. Non avevamo mai visto niente del genere da un punto di vista genetico”.

Dopo le analisi di rito e l’importante scoperta, Ata tornerà in Cile, nel deserto di Atacama, a casa sua, dove verrà sepolta secondo le usanze del luogo e potrà ritrovare finalmente la pace che le è stata negata in tutti questi anni.

“Penso che dovrebbe essere restituito al paese di origine  – ha spiegato Nolan, illustrando la ricerca – e sepolto secondo le abitudini della popolazione locale”.

Ata scheletro

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti