È stato svelato un mistero sul DNA dei dinosauri

Un team di ricercatori britannici ha fatto una scoperta molto interessante sul DNA dei dinosauri: ecco cosa hanno svelato sulla vita delle creature

Appassionati di Jurassic Park, non disperate: gli scienziati stanno continuando a fare scoperte sui dinosauri, e chissà che un giorno non riescano davvero a trasformare la fantascienza in realtà.

Nonostante siano vissuti tra i 66 e i 245 milioni di anni fa, i dinosauri sono ancora oggi creature oggetto di studio e interesse da parte di ricercatori e scienziati provenienti da tutto il mondo. Molte cose continuano a essere scoperte e non si finisce mai d’imparare: nonostante i progressi però, molti dubbi devono essere ancora sciolti. Sono molti i particolari che non si conoscono sul comportamento e sul DNA dei dinosauri, e non si è ancora stabilito se – ad esempio – gli uccelli siano l’evoluzione dei dinosauri o loro lontani cugini. Una nuova scoperta potrebbe aver fugato questo dubbio.

Gli scienziati britannici hanno fatto nuove scoperte riguardanti il DNA dei dinosauri. I ricercatori dell’Università del Kent potrebbero aver svelato il motivo per il quale queste creature sono esistite in un’enorme varietà di forme e dimensioni. Ed è stata proprio questa loro eterogeneità a farli evolvere rapidamente insieme all’ambiente circostante, consentendogli di rimanere sulla Terra per 180 milioni di anni. La squadra guidata dal dottor Darren Griffin ha iniziato la sua ricerca studiando i parenti più moderni dei dinosauri: gli uccelli e le tartarughe. I risultati dello studio suggeriscono che il DNA di queste creature era probabilmente organizzato in blocchi comprendenti molti cromosomi. Gli uccelli di solito ne hanno circa ottanta (tre volte di più rispetto agli esseri umani) e non è un caso che ne esistano moltissime varietà in natura.

Avendo molti più cromosomi rispetto alle altre creature viventi, i dinosauri hanno mescolato i loro geni molto di più degli altri animali. Questo ha fatto sì che si siano evoluti rapidamente, adattandosi al cambiamento dell’ambiente circostante. La dottoressa Rebecca O’Connor, che ha fatto parte del team di studi, ha detto che le prove fossili e le nuove scoperte hanno rinforzato l’ipotesi che gli uccelli non sono i parenti dei dinosauri: sono dinosauri essi stessi.

Quando 66 milioni di anni fa un asteroide colpì la Terra, quasi tutte le specie viventi furono cancellate. Sono alcuni dinosauri sopravvissero: quelli che potevano volare. E questo non è mai sembrata una coincidenza agli scienziati.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti