Ti è avanzato del vino? Usalo per pulire

Il goccio finale di una bottiglia di vino finisce sempre per essere buttato, ecco come utilizzarlo per disinfettare e non solo

18 Aprile 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Spesso non ci rendiamo conto di quanto cibo finisca nella spazzatura solo perché non sappiamo come riutilizzarlo in cucina e alla stessa maniera, anche il vino avanzato fa una brutta fine nel lavandino quando potrebbe facilmente essere impiegato in modo alternativo.

Ebbene, in genere dopo un paio di giorni dall’apertura della bottiglia, il vino va incontro al naturale processo di ossidazione che ne altera il gusto fino a renderlo imbevibile, ma prima di buttarlo, abbiamo diverse opzioni davanti a noi.

Intanto il vino avanzato può essere usato per sfumare i piatti di carne (non fare quest’errore con la carne) e renderne il sapore più pieno e avvolgente, ma questo è solo il più “scontato” degli usi alternativi del vino. Molti, infatti, non immaginano affatto che può essere utilizzato al posto del bicarbonato per disinfettare frutta e verdura: l’alcol del vino scioglierà le impurità sulla superficie e preverrà la formazione di agenti patogeni pericolosi come l’escherichia coli.

Inoltre il vino avanzato può essere un ottimo alleato delle piante: essendo naturalmente ricco di sali minerali, infatti, contribuirà a rendere il terreno più fertile e le piante saranno in salute (usa anche questo trucco). Diversi, poi, gli impieghi del vino nel mondo della cosmesi: l’elevata concentrazione di antiossidanti rende l’amatissima bevanda adatta a stimolare il microcircolo e donare luminosità alla pelle. Basta applicarlo sul viso come se stendessimo il nostro tonico al mattino per avere una pelle più elastica e uniforme nel colorito.

Pare inoltre che il vino sia un toccasana contro i lividi: il rimedio della nonna con pane inzuppato nel vino e posto sopra l’ematoma vi sembrerà bislacco ma le “cure empiriche” di questo tipo hanno sempre un fondo di verità. In questo caso, essendo ricco di flavonoidi, il vino contribuirà ad attenuare l’infiammazione e il rossore dei tessuti epiteliali.

Infine il vino avanzato può aiutare a smacchiare: eravamo convinti, in effetti, che le macchie di vino fossero la condanna a morte dei nostri vestiti, invece il vino bianco pare abbia un ottimo potere sgrassante e funzioni contro gli aloni di olio e grasso. Basterà passare una pezzetta imbevuta di vino bianco sulla macchia, strofinare, procedere al normale lavaggio e il capo tornerà come nuovo (ecco, invece, il trucco per far tornare bianchi e come nuovi i vestiti ingialliti).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti