Tobruk, riapertura ambasciata Italia è "occupazione militare"

Duro attacco del governo rivale a quella di al Sarraj

Fonte: Copyright (c) APCOM.

Roma, 13 gen. (askanews) – Il ministero degli Esteri del governo che controlla la parte orientale della Libia ha definito la riapertura dell’ambasciata italiana e l’arrivo dell’ambasciatore italiano Giuseppe Perrone a Tripoli come “una occupazione militare”.

In una nota “molto urgente” indirizzata “a tutte le ambasciate e i consolati libici all’estero, il governo, guidato da Abdullah Al-Thani, condanna “il ritorno militare dell’ambasciata italiana nella capitale”, come scrive oggi Libya Observer che pubblica anche una copia del documento con data 11 gennaio.

“Una nave militare italiana carica di soldati e munizioni è entrata nella acque territoriali libiche. Si tratta di una chiara violazione della Carta delle Nazioni Unite e una forma di reiterata aggressione”, si legge nella nota, in riferimento a notizie seccamente smentite da Roma.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti