Totoro esiste e si trova in Giappone, ma non è ciò che sembra

Totoro, il celebre personaggio creato da Hayao Miyazaki, esiste e si trova in Giappone: lo 'dichiara' la prefettura di Aomori in un tweet.

9 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Totoro esiste anche se, proprio come Hayao Miyazaki, dovrete usare tutta la vostra immaginazione per scovarlo nel mondo reale. A lanciare la notizia è stato l’ufficio turistico di Aomori attraverso un tweet, ‘svelando’ ai propri utenti dove si trova esattamente il personaggio creato dalla fervida mente del regista giapponese.

Non si trova nella prefettura di Saitama, come vorrebbe il lungometraggio di animazione, ma nella prefettura di Aomori, appunto. Bisogna prima raggiungere Rokkasho, un villaggio rurale che conta poco più di 10mila abitanti. E poi lo vedrete apparire in tutto il suo naturale splendore: perché, in quell’area, vi capiterà di imbattervi in una formazione rocciosa che ricorda – nella forma – la sagoma del celebre Totoro.

Certo, non si tratta del Totoro soprannaturale che ormai abbiamo imparato ad amare, ma di una sua trasposizione nel nostro mondo. Il mio vicino Totoro è un film d’animazione giapponese diventato ormai cult, da quando uscì nell’ormai lontano 1988. Prodotto dallo Studio Ghibli e diretto da Hayao Miyazaki, Il mio vicino Totoro racconta la storia di due sorelle, Satsuki e Mei, che si trasferiscono in un paesino di campagna facendo la conoscenza con esseri stranissimi, tra cui – appunto – Totoro.

Il personaggio è diventato talmente celebre e talmente amato dal pubblico da diventare poi ufficialmente il logo dello Studio Ghibli. Il suo aspetto lo rende simile a un grande tanuki. Niente di reale, anche in questo caso, perché il tanuki è una creatura del folklore giapponese. Tra i poteri di Totoro, però, c’è anche quello di riuscire a controllare l’intera foresta: per cui, se mai il personaggio bonario dovesse esistere nella realtà, la sua trasposizione sarebbe probabilmente proprio quella di una gigantesca roccia: solida, silenziosa e spettacolare.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti