Trovate 6 persone vive all'hotel di Rigopiano

In corso le operazioni di recupero

Roma, 20 gen. (askanews) – Sei persone disperse per la valanga che ha travolto l’hotel di Rigopiano sono state trovate vive. Lo riferiscono fonti del Soccorso alpino sul posto.

Sono in corso le operazioni di recupero. Per i soccorritori è stata una notte molto dura. Nella struttura sommersa dalla slavina c’erano circa 35 persone, 22 clienti e 7 dipendenti, più qualche altro ospite, ma al momento sono stati trovati solo 4 cadaveri.

Tra macerie e neve dell’albergo che è stato trascinato per diversi metri era difficile pensare che qualcuno si fosse potuto salvare e anche i cani da soccorso finora non avevano rilevato segnali di vita.

Nella notte ha smesso di nevicare e le temperature sono risalite attorno allo zero, ma c’è il pericolo di nuovi crolli e di nuove slavine causate dall’appesantimento del manto nevoso, nonostante ciò si continua a lavorare.

A poche ore dal disastro infuriano intanto le polemiche per il ritardo nei soccorsi. Nell’albergo in tanti, che erano bloccati sin dalla domenica, erano pronti a lasciare la struttura ma lo spazzaneve non è arrivato, e anche il primo allarme lanciato è stato sottovalutato. La Procura di Pescara ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo.

Sembra proseguire poi, come previsto, lo sciame sismico nel Centro Italia. Dalla mezzanotte di ieri fino ad ora, secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia sono stati ben 49 gli eventi che si sono susseguiti. Il più intenso 3.1 è avvenuto nella provincia di Rieti alle ore 9.46 ad una profondità di 9 chilometri.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti