Trump attacca i costi degli F-35 e vuole sostituirli

Ha chiesto a Boeing di fornire un "equivalente" F-18

Fonte: Copyright (c) APCOM.

New York, 23 dic. (askanews) – All’indomani del suo incontro con l’amministratore delegato di Lockheed Martin, Donald Trump è tornato a far preoccupare il colosso della difesa. E lo ha fatto di nuovo su Twitter. Il presidente eletto Usa ha scritto che “sulla base dei costi enormi e eccessivi dell’F-35 di Lockheed Martin, ho chiesto a Boeing di fornire un prezzo di un equivalente F-18 Super Hornet”. Come al solito il ‘cinguettio’ è criptico ma il mercato ha reagito male: dopo la diffusione del tweet, avvenuta quando Wall Street aveva già chiuso i battenti, il titolo Lockheed ha perso quasi il 2% successivamente a una seduta finita in rialzo dello 0,11% a 252,80 dollari. Boeing invece ha guadagnato quasi l’1% dopo avere terminato a quota 157,46 dollari una giornata poco mossa.

Il 6 dicembre scorso Trump aveva fatto tremare Boeing minacciando di cancellare l’ordine del nuovo Air Force One perché “costa troppo”; sei giorni dopo il 45esimo Commander in chief aveva criticato i “costi fuori controllo” del programma F-35, il più costoso nella storia del Pentagono; diversamente da quella dell’aereo su cui viaggia ogni presidente Usa, la produzione del cacciabombardiere non era stata minacciata. Ora però ci si domanda se Trump stia pensando di comprare più F-18 rispetto agli F-35 nonostante le loro performance e capacità siano ben diverse.

Il ‘cinguettio’ di Trump è arrivato 24 ore dopo il faccia a faccia con i Ceo dei due colossi della difesa. Quello di Boeing aveva promesso che il nuovo Air Force One costerà meno dei 4 miliardi di dollari di cui il 45esimo presidente si era lamentato; quello di Lockheed aveva parlato di un “meeting costruttivo” in cui aveva spiegato l’impegno del suo gruppo a consegnare agli Usa e ai suoi alleati (Italia inclusa) un cacciabombardiere con un costo sotto controllo: “L-F-35 è cruciale per la nostra sicurezza nazionale”, aveva detto Marillyn Hewson sottolineando i progressi fatti nell’abbassarne i costi.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti