Trump dice che la tortura del "waterboarding" funziona

Il presidente: "Ma la decisione spetta a Cia e Pentagono"

Roma, 26 gen. (askanews) – Nella sua prima intervista televisiva dopo l’insediamento alla Casa Bianca, Donald Trump ha spiegato ieri di ritenere “assolutamente” utile la pratica del waterboarding, l’annegamento simulato durante un interrogatorio. Il waterboarding è stato ritenuto una tortura ed è stata abolito da Barack Obama nel 2009. “Assolutamente, penso che funzioni”, ha spiegato alla Abc. “Ho parlato di recente, 24 ore fa, con persone al più alto livello dell’intelligence e ho chiesto loro: ‘Funziona? La tortura funziona?’ E la risposta è stata ‘Sì, assolutamente'”.

In ogni caso, Trump ha precisato che lascerà al capo della Cia Mike Pompeo e al segretario alla Difesa James Mattis la valutazione finale sulla questione: “E se non vogliono farlo, va bene, lavorerò in questa direzione. Voglio che tutto sia nei limiti di quello che possiamo fare, se è legale”, ha aggiunto. “Quando l’Isis fa cose di cui non si sente parlare sin dal Medioevo, mi sento fortificato circa il waterboarding. Per quanto mi riguarda, dobbiamo combattere il fuoco con il fuoco”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti