Ultima Gara, Manuel Bortuzzo: "Difficile interpretare me stesso"

Al Giffoni Film Festival Raoul Bova e Manuel Bortuzzo parlano di 'Ultima Gara', lungometraggio sul nuoto.

31 Agosto 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: ANSA

È stato presentato a #Giffoni50 Ultima Gara, pellicola dedicata al mondo del nuoto con Raoul Bova e tantissimi nuotatori professionisti. Per parlare del lungometraggio il Giffoni Film Festival ha ospitato proprio il protagonista e, il giorno successivo, Manuel Bortuzzo.

“In Ultima Gara ho dovuto interpretare me stesso, ed è stato molto difficile perché ho mostrato una parte di me che non conosce nessuno: quella più debole” ha dichiarato proprio Manuel. La pellicola racconta infatti la storia dei tre campioni del nuoto Emiliano Brembilla, Filippo Magnini e Massimiliano Rosolino.

Voglio realizzare tutti i miei sogni. – ha continuato Bortuzzo – Sono le mie passioni che mi hanno fatto andare avanti. Il nuoto è stato il motore di tutto. Dopo solamente un mese dall’incidente sono rientrato in acqua. Quando ti viene tolta la cosa che ami di più è difficile accettarlo, ma si può lottare. Il nuoto è il mio sfogo silenzioso, che però può fare tanto rumore”. “Ho scritto un libro per dare speranza e strappare un sorriso alle persone che come me hanno sofferto e soffrono. – ha poi concluso – Alex Zanardi e Bebe Vio sono stati sicuramente due punti di riferimento per me. Perché in queste situazioni non capisci subito cosa è successo, ci vuole tempo per realizzare e reagire”. E, ai ragazzi, consiglia: “Io vi auguro semplicemente di stare bene, credetemi non è scontato. Vi auguro di stare bene affinché possiate fare tutto quello che volete. Siete giovani, imparate in fretta, provate tutto”.

Raoul Bova, che è anche regista del film insieme a Marco Renda, ha invece spiegato come Ultima Gara sia un film a tratti documentaristico. “Abbiamo cercato di enfatizzare la naturalezza, la semplicità. – ha commentato l’attore – Alcune scene non erano neanche previste, sono nate con una bellissima spontaneità”.

“Con Manuel ci siamo incontrati in un momento particolare delle nostre vite. – ha aggiunto – Io mi ero appena fratturato una gamba e avevo perso da poco i miei genitori. Ho trovato in lui la forza di reagire, la voglia di vivere. Lui ha trovato in me un supporto e abbiamo cominciato a guardare insieme verso il futuro. Il suo contributo è stato fondamentale per la riuscita della trama”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti