Un giornalista inglese sostiene che Banksy sia il leader dei Massive Attack

Ma chi è Banksy? Le ultime indiscrezioni vogliono che il famoso street artist di Bristol altro non sia che Robert Del Naja, leader dei Massive Attack

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

L’identità segreta di Banksy è di nuovo a rischio: secondo il
giornalista Craig Williams, l’artista sarebbe il leader dei Massive
Attack. La dichiarazione arriva dopo mesi di ricerche dove il
giornalista ha analizzato le città dove sono comparsi i murales dello
street artist con i concerti della band, notando che in molti casi
coincidono. Il leader della band Massive Attack sarebbe quindi il
volto che l’artista Banksy ha sempre provato a nascondere al mondo
intero.

Secondo il giornalista investigativo Craig Williams in dodici diverse
occasioni le opere di Banksy sono apparse nelle stesse città dove i
Massive Attack erano in tournée o in studio di registrazione. Inoltre
sia i Massive Attack che Banksy hanno incominciato la carriera nella
cittadina universitaria di Bristol e negli anni Ottanta il leader
della band ha iniziato come graffittaro, diventando famoso nelle
strade della città.

L’ultimo graffitto di Banksy

L’ultima opera di Banksy è stata fatta sul muro della scuola
elementare Bridge Farm Primary di Bristol, nel Regno Unito. Il murales
mostra un bambino con un bastone che spinge una ruota in fiamme. Jason
Brady è il guardiano della scuola che ha scoperto il graffitto alle
ore 6.55 di lunedì mattina e accanto all’opera c’era anche una lettera
di Banksy che spiegava che l’opera è un riconoscimento per il fatto
che in quella scuola gli è stata intitolata un’aula.

Nella lettera di Banksy che il guardiano della Bridge Farm Primary ha
trovato accanto al graffitto c’era scritto: “Cara Bridge Valley
School, grazie per avermi intitolato un’aula. Fate una foto. Se non vi
piace, sentitevi liberi di aggiungere cose. Sono sicuro che i maestri
non si dispiaceranno. Ricordate: è sempre più facile ottenere il
perdono che il permesso”, si legge nella lettera, che si intitola”.

Robert “3D” Del Naja e le strane identità di Banksy

La caccia all’identità misteriosa di Banksy è diventata il chiodo
fisso dei giornalisti inglesi, sempre alla ricerca di uno scoop su chi
si celi veramente dietro l’artista. Lo scorso febbraio gli studi della
Queen Mary University di Londra avevano portato a individuare Robin
Gunningham, trentaquattrenne di Bristol con la passione per il disegno
come volto di Banksy. L’ultima ipotesi è quella che dietro il
graffittaro più famoso di Londra si celi Robert “3D” Del Naja, leader
dei Massive Attack.

Il leader dei Massive Attack può essere la vera identità di Banksy? Il
cantante negli anni Ottanta era noto come graffittista e lui stesso
nelle interviste ha ammesso di essere “diventato amico” di Banksy. Del
Naja è inoltre famoso per le installazioni artistiche con i LED nei
concerti. “Volume”, è stata addirittura esposta al Victoria and Albert
Museum di Londra e ad Hong Kong. Il leader della band sarebbe quindi
molto vicino al mondo dell’arte.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti