Un sorriso nel cielo: in Veneto appare un arcobaleno rovesciato

In alcune zone del Veneto, è apparso nei cieli un arcobaleno rovesciato: di cosa si tratta esattamente?

23 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Meteo Caprino Veronese Facebook

Forse non tutti sanno che c’è un fenomeno visibile in natura, ancora più raro dell’arcobaleno. Se l’arcobaleno, infatti, nel suo fascino crea una parabola magica e colorata che si poggia sui panorami che ci troviamo ad ammirare, l’arcobaleno rovesciato – col suo caleidoscopio – sembra un sorriso tra le nuvole. E pochissimi fortunati, proprio in questi giorni, sono riusciti a scorgerne uno in Veneto (e, ovviamente, a fotografarlo). L’immagine è stata poi pubblicata sulla pagina Facebook di Meteo Caprino Veronese, che ha raccolto le fotografie di diversi utenti della zona.

Di cosa si tratta esattamente? Il nome ‘scientifico’ del fenomeno è arco circumzenitale e, non a caso, è definito dal sito Meteo Aeronautica, uno spettacolare effetto atmosferico. È prodotto “da rifrazioni e riflessione della luce da parte di cristalli di ghiaccio in sospensione, tipicamente contenuti nelle nubi alte (cirri) o nelle nebbie ghiacciate. Il ghiaccio ha una simmetria molecolare esagonale e pertanto i cristalli di ghiaccio, che si formano all’interno delle nubi, sono dei minuscoli prismi a base esagonale di varia lunghezza o dei dendriti (“il classico fiocco di neve”). Quando la luce passa tra le facce di questi cristalli viene rifratta e riflessa in modo tale da inviare fasci di luce in particolari direzioni”.

Di base, mentre è frequente vedere arcobaleni dopo un temporale, è molto più difficile che alle nostre latitudini si formino archi circumzenitali. Ancora più difficoltoso notarlo perché è posizionato allo zenit, un punto del cielo a cui non è nostra abitudine rivolgere lo sguardo.

“L’arcobaleno – spiega ancora il sito Meteo Aeronautica – rientra nelle cosiddette fotometeore, ovvero manifestazioni di natura ottica prodotte da riflessione, rifrazione diffrazione o interferenza della luce solare ad opera dell’acqua presente in atmosfera nelle sue varie forme di aggregazione (vapore, goccioline, cristalli di ghiaccio)”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti