Unghie fragili? Mangia più spinaci e rucola

La salute delle unghie passa anche e soprattutto dall'alimentazione

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Avere delle mani curate è sicuramente un bel biglietto da visita se si ha a che fare con un pubblico quotidianamente, ma è anche un modo per prendersi cura di se stessi a prescindere dal numero di persone con cui si entra in contatto nella vita di tutti i giorni. Purtroppo, però, spesso le unghie ci fanno dannare: troppo fragili, soggette a spezzarsi, rovinate da avvallamenti. Come comportarsi in questi casi? La risposta sta tutta nell’alimentazione.

Se le nostre unghie sono estremamente fragili e si spezzano malgrado l’applicazione di rinforzanti a base di calcio e vitamine, vuol dire che con tutta probabilità c’è una mancanza di calcio e di vitamina A. Niente panico: si tratta di una carenza che può essere colmata attraverso la dieta.

Per quel che riguarda il calcio, al di là di aumentare il consumo di latte e derivati bisogna puntare sulle fonti di calcio immediatamente assimilabili e fissabili su ossa, denti, unghie. La soluzione, udite udite, è contenuta in un semplice bicchiere d’acqua, possibilmente del rubinetto perché dura e quindi utile al nostro scopo. La vitamina A invece è rintracciabile nell’olio vegetale, nella carne, nel pesce azzurro, nelle carote, così come nelle albicocche e nel tuorlo dell’uovo.

Brutte da vedere sono le fastidiose righe verticali che segnano l’unghia. Queste denotano carenza di ferro, cui si può porre rimedio con integratori specifici di ferro organico o chimico o con un’alimentazione ricca di questo minerale e di vitamina C, che serve ad assimilare il ferro stesso. Bisogna quindi assicurarsi di assumere carne preferibilmente bianca, pesce, uova, legumi e spremute di limone e arancia fresche. Come contorno vanno benissimo spinaci e rucola, sempre conditi con olio e limone.

Meglio invece evitare il consumo associato di cereali integrali, che in questo caso sono responsabili di una riduzione nell’assorbimento del ferro.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti