Vasco Rossi si sfoga sui social: “Giù le mani dalle mie canzoni”

Il rocker, tra un bagno in mare e l’altro, ha lanciato la sua stoccata social a Gianluigi Paragone: niente strumentalizzazioni della musica.

Fonte: ANSA

È uno sfogo “duro e puro” – come amerebbe dire lui stesso – quello che Vasco Rossi ha postato sul suo profilo Instagram. Dopo l’impegno live da record a Milano e Roma, il rocker si sta godendo le vacanze estive alternando bagni in mare e bagni di folla, scortato da una security costretta ogni giorno a gestire decine di fans sulla spiaggia.

Foto e clip video testimoniano l’estate del Blasco che ormai è protagonista anche sui social. E proprio via web arriva anche l’ultima stoccata in ordine di tempo da parte di un artista che certo non le manda a dire. E così, citando un proprio verso iconico, Vasco scrive: “C’è chi dice no lo dico io: i politici devono mettere giù le mani dalle mie canzoni! Che imparino a usare parole originali loro e a non strumentalizzare la musica !! ..c’è chi usa le mie canzoni per le sue campagne politiche e di opinione .. voglio sia chiaro che io non autorizzo nessuno a farlo e per quello che mi è possibile cerco di impedirlo..! tanto meno si può pensare che io sia d’accordo con le opinioni di chi usa le mia musica per chiarire le sue idee confuse!”.

Un affondo pesante e che lascia poco spazio alle interpretazioni, rivolto in questo caso al pentastellato Gianluigi Paragone che ha usato il brano del rocker annunciando il proprio voto contrario sulla piattaforma Rousseau in merito all’ipotesi di un governo PD-M5S. La musica potrà anche fare politica, ma la politica lasci stare la musica.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti