Viene rapita e si salva grazie a un gesto imparato su TikTok

Un gesto studiato affinché le vittime di abusi domestici potessero chiedere aiuto ha salvato la vita di una 16enne che era stata rapita

10 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Molto spesso i social network vengono criticati per le ragioni più diverse, e non di rado queste critiche sono anche legittime. Altre volte, però, sono strumenti di indubbia utilità e possono persino salvare vite umane. A dimostrazione di ciò arriva la storia di una ragazza che nei giorni scorsi era stata dichiarata scomparsa dai suoi genitori nella Carolina del Nord ed è stata avvistata all’interno di un’auto nel Kentucky due giorni dopo. La sedicenne è riuscita a salvarsi grazie a un gesto pensato per aiutare le vittime di abusi domestici imparato su TikTok.

Un autista ha chiamato la polizia dopo aver notato “una passeggera nel veicolo che faceva gesti con le mani noti sulla piattaforma di social media TikTok per rappresentare la violenza domestica“, ha detto in una nota l’ufficio dello sceriffo della contea di Laurel. L’uomo ha notato che la ragazza “sembrava essere in difficoltà” e si trovava in una macchina che era guidata da un maschio più anziano.

La ragazza, che non è stata nominata, ha detto agli ufficiali di aver viaggiato attraverso la Carolina del Nord, il Tennessee, il Kentucky e l’Ohio.

La polizia ha poi arrestato James Herbert Brick, 61 anni, di Cherokee, nella Carolina del Nord, mentre stava guidando vicino a un’autostrada del Kentucky giovedì pomeriggio.

Il gesto della mano è un segno con una sola mano che qualcuno può usare quando è in difficoltà, secondo la Canadian Women’s Foundation. La vittima alza la mano con il palmo rivolto verso l’esterno, quindi infila il pollice nella mano prima di chiudere le dita sopra il pollice.

La campagna, chiamata “segnale di aiuto”, si è diffusa sui social media nel 2020 durante i lockdown iniziali dovuti alla pandemia, nel tentativo di fronteggiare un aumento della violenza domestica. L’idea era un modo per le vittime di abusi domestici di cercare aiuto usando un segnale non verbale.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti