Vittorio Sgarbi furioso: "Abolite queste parole"

Vittorio Sgarbi si scatena su Facebook, dove ha proposto di abolire alcune parole

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: Twitter

Vittorio Sgarbi torna a scatenarsi sui social dove furioso ha chiesto di abolire alcune parole. L’ultima battaglia del critico d’arte è partita dal suo profilo Facebook, dove Sgarbi si è rivolto ai suoi follower. “Abolire parole come “location”, “apericena”, “evento”, “sinergia”, “taggare”. “fashion” – ha scritto Sgarbi -. Accetto suggerimenti”.

Oltre un milione di Mi Piace e tantissimi follower: Vittorio Sgarbi è una vera star sui social e anche questa volta la sua iniziativa ha scatenato polemiche e commenti. Quasi 7mila quelli al suo post, con reazioni diverse. C’è chi si scaglia contro di lui definendolo un maleducato e ignorante e chi invece appoggia la scelta del critico d’arte e opinionista tv, facendo delle proposte.

“Pacchetto – ha scritto qualcuno -. Inteso come proposta che comprenda più opzioni. ( ad esempio dal parrucchiere piega e manicure, oppure albergo e cena … etc.). Mi fa venire l’orticaria”. “Quoto e lovvo” ha proposto qualcun altro, mentre in molti hanno accusato Sgarbi di realizzare dei post provocatori solo per fare incetta di Like.

A dividere i follower è ancora una volta l’imitazione fatta da Vittorio Sgarbi della sindaca di Roma, Virginia Raggi. Da qualche tempo infatti la politica del Movimento Cinque Stelle è finita nel mirino del critico, che non smette di attaccarla. “L’incapace è peggio del disonesto perché non essendo capace di fare nulla crea danno – aveva attaccato Sgarbi in un video -. È possibile che Roma abbia un sindaco che non è in grado di fare nulla? Che sbaglia ogni azione e che non posso nemmeno decidere cosa fare? Uno diventa sindaco, firma un contratto con un altro per cui deve pagare delle multe se non fa quello che dice ed è identica a Ambra Angiolini. La Raggi è come Ambra Angiolini con Boncompagni, che invece è Grillo. Si assomigliano e sono pure amici. Ambra si muove e Boncompagni le parla”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti