Vuoi che tuo figlio impari l'inglese? Dopo questa età è tardi

L'inglese è una lingua fondamentale da conoscere e per i bambini l'apprendimento è molto più facile, però fino a una certa età

L’inglese è la seconda lingua più parlata del mondo (se ve lo state chiedendo, la prima è il cinese): è una sorta di lasciapassare compreso in ogni angolo del pianeta e quindi è molto importante riuscire a comprenderlo e a parlarlo correttamente (questa ragazza ha iniziato a parlarlo dopo il coma).

E quale momento migliore della vita per imparare una seconda lingua così importante se non l’infanzia? I bambini imparano prima e meglio degli adulti, soprattutto quando si tratta di lingue straniere (non è adatto per i bimbi, ma sai che l’alcool aiuta?): molti genitori però si chiedono quando sia effettivamente il momento giusto per iniziare a studiare l’inglese, temendo di  “confondere” i piccolissimi che stanno ancora imparando bene la loro lingua madre.

Questa paura è del tutto infondata: a quanto pare i bimbi iniziano ad apprendere già dai 6 mesi il linguaggio di chi gli sta intorno e intorno ai 12 mesi sono in grado anche di iniziare a riprodurlo. Fino ai 7 anni i bambini possono apprendere, senza problemi o “confusioni”, più di una lingua, utilizzando gli stessi circuiti mentali che mettono in campo per la loro lingua madre. Dopo i 7 anni questa abilità inizia lentamente a decadere: ecco perché sarebbe importante far “studiare” ai bimbi l’inglese fin da piccolissimi, a partire già dai 3/4 anni in contesti strutturati e a casa anche fin dalla nascita.

Ovviamente, i bambini non perdono la loro elasticità mentale a 7 anni: sono ancora tranquillamente in grado di apprendere una seconda lingua senza problemi e più velocemente degli adulti.

Non a caso l’inglese viene inserito nei programmi didattici di molte scuole dell’infanzia (in questa scuola non ci sono maestri né materie) e ci sono corsi e campi estivi a tema per i bimbi anche molto piccoli.

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti