Non sei nessuno se non giochi al Whamageddon

Per essere i più cool a Natale dovete assolutamente partecipare a Whamageddon, il nuovo gioco virale che spopola in rete

Se volete essere cool e avere qualcosa di cui parlare al pranzo con i parenti a Natale, dovete assolutamente giocare al Whamageddon.

Natale sta per arrivare, il 24 e il 25 dicembre sono alle porte e il pranzo con i parenti è certo come il fatto che ogni mattina vi suonerà la sveglia facendovi maledire l’inizio della giornata (a meno che non siate degli esseri ottimisti e sempre felici, in questo caso siamo contenti per voi). E più certo di questo c’è che vi faranno domande imbarazzanti e inopportune alle quali voi non avrete nessuna voglia di rispondere. «L’hai presa la laurea?», «E quando ti sposi, guarda che il tempo corre eh». «Ma un lavoro migliore non lo riesci a trovare?». «Sai che mi sembri ingrassato?», sono degli evergreen cui ogni persona incorre nel corso della propria vita. Ma c’è un modo per evitarle. Ed è quello di giocare al Whamageddon. E parlare per sei ore a tavola del fatto che state portando avanti una gloriosa battaglia per la civiltà. Così la zia che non vedevate da un anno avrà di che sparlare di altro (e non del fatto che non avete un partner).

Che cos’è il Whamageddon? In realtà già dal nome è facile capire di cosa si tratta. Il Whamageddon è il nuovo gioco di Natale iniziato questo dicembre e adesso diventato virale sui social media. Il titolo è ispirato ovviamente alla storica band degli Wham! e al loro più grande successo, “Last Christmas”: una canzone conosciuta pure dai sassi sin dal 1986 e che da allora accompagna incessantemente tutti i giorni che vanno più o meno da inizio dicembre fino a dopo Natale. Qual è quindi lo scopo del gioco? Cercare di non ascoltare “Last Christmas” dal primo dicembre fino alla mezzanotte della vigilia di Natale. Ma se avete già cliccato sopra al link, avete ovviamente perso.

“Last Christmas” è stata scritta dal grande George Michael e in realtà ha davvero poco a che fare col Natale, dato che parla di una relazione finita male e di due persone che si rincontrano un anno dopo. Andrew Ridgeley, il chitarrista degli Wham!, ha detto che l’idea del brano è nata durante una visita ai genitori di George. «Avevamo mangiato un boccone e stavamo seduti insieme a rilassarci con la televisione in sottofondo quando, quasi inosservato, George scomparve al piano di sopra per circa un’ora – ha raccontato Andrew in una vecchia intervista – Quando tornò giù, era così eccitato che sembrava avesse scoperto l’oro. E in un certo senso era proprio così. Siamo andati nella sua vecchia stanza, la stanza in cui teneva una tastiera e qualcosa su cui registrare le sue scintille di ispirazione, e mi ha fatto l’introduzione e l’accattivante, melanconica melodia del coro di “Last Christmas”. È stato meraviglioso. George aveva distillato l’essenza del Natale nella musica, aggiungendo un testo che raccontava la storia di un amore tradito che toccava i cuori».

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti