Il mistero del mega raviolo di Saturno: le foto della NASA

Un raviolo gigante accanto a Saturno: le nuove foto della sonda Cassini, diffuse dalla Nasa, appassionano il web

Fonte: Twitter

Il mistero del mega raviolo di Saturno, fotografato dalla Nasa, sta incuriosendo tutti gli appassionati di scienza e spazio. La sonda Cassini è infatti entrata nella fase “ring-grazing” della missione, avvicinandosi sempre di più agli anelli di Saturno.

Le prime immagini inedite raccolte dalla sonda sono state divulgate in questi giorni dalla Nasa, provocando curiosità e mistero. A scatenare dibattiti è soprattutto Pan, il satellite naturale più vicino a Saturno che sembra un gigantesco raviolo. Il satellite, il cui nome è stato scelto ispirandosi al dio greco dei boschi, misura circa 30 chilometri e si trova nella divisione di Encke nell’Anello A. Venne scoperto nel 1990 dal celebre astronomo Mark Showalter e da allora ha sempre incuriosito gli scienziati, che ora hanno finalmente la possibilità di studiarlo e vederlo un po’ più da vicino.

Gli scatti della sonda inviata dalla Nasa su Saturno infatti mostrano per la prima volta la forma di Pan che, a sorpresa, è decisamente bizzarra. Somiglia infatti ad una specie di raviolo ripieno di carne, ma anche ad uno strano UFO.

A farlo sembrare un raviolo è, secondo gli studiosi, un suo anello che si estende nella zona equatoriale. Inutile dire che le immagini hanno scatenato accesi dibattiti online, soprattutto da parte dei soliti appassionati di complotti, secondo cui Pan sarebbe in realtà un Ufo e a confermarlo ci sarebbe proprio la sua forma.

Il più emozionato nel vedere le foto è stato soprattutto Mark Showalter, che per la prima volta ha visto il pianeta che scoprì anni fa. “È un enorme passo avanti rispetto a quei vaghi puntini che cercavo nel 1990 sulle foto di Voyager! – ha spiegato lo scienziato, che oggi lavora al SETI Institute in California -. È molto gratificante poter osservare Pan da vicino, finalmente!”.

Sino al mese prossimo la sonda Cassini continuerà la fase “ring-grazing”, poi entrerà finalmente in quello che è stato definito il “Gran Finale”, che gli consentirà di avvicinarsi tantissimo a Saturno. Infine il 15 settembre 2017 si disintegrerà entrando nell’atmosfera del pianeta.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook

vedi tutti