0, 14, 11, 32, 124, 11, 470 trend

La nuova straordinaria scoperta su Nefertiti

Alcuni studiosi italiani hanno fatto una nuova scoperta riguardo Nefertiti e al luogo in cui sarebbe sepolta

Una nuova straordinaria scoperta riapre la caccia alla tomba di Nefertiti. Per anni gli archeologi hanno cercato di scoprire dove sia sepolta la mitica regina egiziana e oggi sembrano essere giunti ad una svolta. Un team di scienziati provenienti dal Politecnico di Torino infatti ha scoperto la presenza di due cavità vicino alla celebre tomba di Tutankhamon. Nella dimora eterna del faraone bambino si trovano dei vuoti che potrebbero indicare la presenza di altre stanze funerarie. 

I risultati della ricerca, guidata dal fisico Franco Porcelli, sono stati svelati nel corso di una conferenza a Berlino da Mamdouh Eldamaty, ex ministro egiziano. Si tratta di un’informazione importante, che potrebbe presto portare alla scoperta della mitica tomba di Nefertiti.

Il primo ad ipotizzare che il destino della regina fosse legato a quello di Tutankhamon fu, nel 2015, l’archeologo inglese Nicholas Reeves. Secondo lo studioso la sposa reale del faraone Akhenaton, riposerebbe accanto alla camera mortuaria del faraone, suo figliastro. Il motivo? Il faraone bambino sarebbe morto troppo presto e all’improvviso. Nell’impossibilità di costruire una tomba, sarebbe stato sepolto in una stanza creata nella dimora eterna di Nefertiti. Il sepolcro del faraone dunque nasconderebbe quello della sua matrigna, non ancora scoperto.

Su questo tema, già in passato, gli esperti si sono divisi. In tanti sono convinti che l’intuizione di Reeves sia esatta, mentre altri credono che la tomba di Nefertiti sia da un’altra parte. Di certo quest’ultima scoperta italiana aggiunge un tassello importante nella caccia alla mummia della regina. Per ora Porcelli non ha voluto commentare, ribadendo che i risultati dello studio sono ancora top secret. Lo scienziato ha però confermato la presenza di numerose anomalie nella tomba del faraone bambino.

Tutankhamon morì nel 1330 a. C. e intorno al suo decesso sono nati moltissimi misteri. Non è ancora chiaro se si trattò di un incidente, di una malattia o di omicidio, ma soprattutto diversi archeologi sono convinti che la persona raffigurata nei dipinti della tomba non sia lui, ma la regina Nefertiti.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti