Imperdibili

Animali strani: tragulida, il topo cervo dell'Africa occidentale

Animali strani: tragulida, il topo cervo dell'Africa occidentale. Una breve descrizione delle sue caratteristiche fisiche e dei suoi comportamenti

Fonte: Wikimedia

Nel resto del mondo, i tragulidi, sono conosciuti con il nome di chevrotain. Questo nome ha origini francesi e, come il nome che gli è stato affidato in Italia, che ha invece origini greche, significa “piccola capra”. Anche se, in senegalese, vengono chiamati con il nome di meeminna , che vuol dire cervo / topo. Questo nome riprende molto l’ aspetto fisico dell’ animale, che somiglia ad un topo.

L’infraordine dei Tragulina, inizialmente, prevedeva soltanto quattro specie appartenente a questi esemplari, ma nel 2005 sono state aggiunte altre specie per arrivare a un totale di 10 esemplari diversi in tutto il mondo conosciuto. Tragulida si nutre principalmente di materia vegetale, è un topo cervo di tipo vegetariano.

Come è fatto il tragulida

La specie del tragulida era ampiamente diffusa tra l’Oligocene (periodo temporale che indica circa 34 milioni di anni fa) e il Miocene (arco temporale che indica circa 5 milioni di anni fa). Durante questo lungo periodo il loro aspetto non ha subito numerosi cambiamenti, anzi. Sono quasi rimasti invariati. Il loro stomaco è formato da quattro camere che vengono adoperate per far fermentare le sostanze vegetali. La terza camera è però poco sviluppata.

Nonostante il topo cervo dell’Africa sia prettamente vegetariano, lo iemosco acquatico si nutre anche di insetti e di granchi. I tragulidi non posseggono gli incisivi sul lato superiore, ma hanno dei canini particolarmente allungati. Questi sono prominenti nella specie maschile e sono soliti mostrare questa tipologia di denti durante i combattimenti. Posseggono, inoltre, delle zampe corte e sottili che gli permettono di muoversi con una certa agilità nel fitto fogliame che li circonda.

Curiosità

Il topo cervo dell’Africa copulano in maniera simile ai maiali e possono avere soltanto un cucciolo. Generalmente vivono da soli o in coppia e i loro piccoli vengono svezzati verso i tre mesi, mentre raggiungono la maturità sessuale tra i cinque e i dieci mesi. I tragulidi posseggono una ghiandola sul mento che gli permette di comunicare tra loro.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati