Imperdibili

Che differenza c'è tra ratto e topo

Che differenza c'è tra ratto e topo? Anche se i due termini vengono usati come sinonimi, in realtà indicano due animali diversi

C’è differenza tra ratto e topo? La risposta sembra scontata, infatti se la domanda venisse posta alla maggior parte delle persone, queste risponderebbero che non vi è alcuna differenza. In effetti, sono in tanti ad usare i due termini indifferentemente per indicare lo stesso animale. In realtà i ratti e i topi sono due animali diversi che condividono alcune caratteristiche. Secondo la classificazione zoologica, entrambi appartengono all’ordine dei Roditori (lo stesso di cui fa parte anche lo scoiattolo) ed entrambi fanno parte della famiglia dei Muridi, per questo presentano caratteristiche morfologiche molto simili.

La differenza che c’è tra ratto e topo è l’appartenenza a due generi diversi. Il mammifero che comunemente chiamiamo topo appartiene al genere Mus, originario dell’Asia. Di questa categoria le specie più diffuse alle nostre latitudini sono il topo comune (o domestico), che vive nei pressi delle abitazioni, ed il topo selvatico, che si ritrova nelle campagne. Dal punto di vista morfologico i topi sono piuttosto piccoli, il loro corpo misura tra i 6 e i 12 centimetri mentre la coda può misurare fino a 10 centimetri. Il loro peso si aggira intorno ai 30 grammi.

I topi hanno una pelliccia di colore variabile dal marrone chiaro fino al nero, mentre le loro zampe e il ventre possono essere più chiari. La loro alimentazione è varia, infatti si cibano di semi, di radici, di foglie, di insetti ma anche di carne. Il termine ratto, invece, identifica tutti i roditori appartenenti al genere Rattus. Anche i ratti sono originari dell’ Asia, ma sono oggi diffusi in tutto il mondo. Le specie più comuni in Europa sono la pantegana (topo di fogna) e il ratto nero. La prima differenza che c’è tra ratto e topo riguarda la dimensione: i ratti sono più grandi dei topi.

Il corpo dei ratti ha una lunghezza di circa 30 centimetri, ma può arrivare a misurarne 50 se si aggiunge la coda. Hanno generalmente un manto più scuro dei topi e pesano fino a 500 grammi. I ratti sono animali sinantropi, ovvero vivono vicino agli insediamenti umani. E’ molto facile avere incontri ravvicinati con questi animali nei pressi di sotterranei o vicino alle reti fognarie. Un’ altra differenza che c’è tra ratto e topo è il fatto che i ratti sono animali adattabili: mangiano qualsiasi cosa e possono resistere a condizioni ambientali estreme grazie alla loro tendenza ad essere molto collaborativi e solidali tra loro.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati