La cannuccia che cambia colore dice se nel drink c'è la droga

Le tre ragazzine hanno messo a frutto le conoscenze acquisite inventando un prodotto innovativo

I loro studi le hanno indotte a riflettere su quale utilizzo del loro bagaglio di conoscenze potesse essere fatto. Così tre studentesse liceali hanno inventato una cannuccia che vanta la particolarità di cambiare colore a contatto con la droga dello stupro. Si tratta, in questo caso, di sostanze sedative e anestetizzanti (spesso incolori e insapori) che vengono aggiunte nelle bevande consumate dalle vittime che, una volta stordite, diventano facili prede di assalti sessuali.

L’idea delle tre ragazzine di Miami è stata battezzata “smart straw“, cannuccia intelligente. La nuova arma di difesa diventa blu quando viene a contatto con queste pericolose sostanze nel bicchiere. In realtà non si tratta di una novità dal momento che già nel 2013 due ricercatori israeliani avevano messo a punto, una cannuccia che a contatto con due droghe, Ghb e ketamine, diventava rossa. Stavolta, però, l’invenzione è in grado di riconoscere tutte le droghe usate comunemente dagli stupratori.

Secondo il sito konbini è verosimile che, una volta depositato il brevetto negli Stati Uniti, ricorreranno ad un crowdfunding per finanziare la produzione della smart straw: “Questo non fermerà gli stupri, ma speriamo di riuscire a ridurre il numero di situazioni di pericolo in cui si può finire a causa di questi farmaci”, ha dichiarato Carolina Baigorri, una delle tre ragazzine.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti