0, 0, 0, 0, 3, 0, 0 trend

Le immagini Lunar Orbiter risvegliano i cacciatori di alieni

Le immagini Lunar Orbiter risvegliano i cacciatori di alieni. La Nasa si affretta a trovare spiegazioni con basi scientifiche più solide

Fonte: Pixabay

Gli avvistamenti Ufo rimangono ancora fra le attività predilette di molti personaggi più o meno credibili. Una foto della Luna, scattata direttamente dalla NASA, sarebbe questa volta la prova che gli alieni esistono e sono nostri vicini di casa. Malgrado l’agenzia aerospaziale più importante al mondo provi a dare spiegazioni razionali e verosimili, i cercatori di Ufo sono convinti che la prova sia definitiva.

L’immagine resa pubblica dalla National Aeronautics and Space Administration ritrae, come in molte altre fotografie, il suolo lunare. Il dettaglio di un cratere sarebbe, secondo alcuni, la conferma della presenza aliena sul satellite naturale: la dimostrazione dell’esistenza di una struttura vera e propria abitata da ospiti non terrestri.

L’Immagine della NASA e l’ipotesi sulla presenza aliena

Nella fotografia scattata da Lunar Reconnaissance Orbiter, satellite destinato a raccogliere dati visivi sulla Luna, si possono osservare i crateri lunari con una buona definizione. All’interno di uno di questi, si nota un piccolo triangolo di colore differente dal resto. Nulla di strano fin qui, se non fosse che la forma geometrica ha angoli e lati molto precisi che fanno escludere l’ipotesi che si tratti dello stato naturale del suolo.

Secondo i cacciatori di Ufo, proprio la perfezione del triangolo avvistato sarebbe sufficiente a dimostrare che gli alieni abitano la Luna. Gli extraterrestri avrebbero costruito una sorta di avanguardia lunare e vivrebbero al suo interno. La NASA d’altro canto ha spiegato che la forma geometrica osservata potrebbe essere (e quasi certamente è) il frutto di un gioco di luci e ombre.

La validità della prova e tutte le altre ipotesi

La fotografia non è dunque sufficiente per concludere che gli extraterrestri esistono e vivono sulla Luna. D’altro canto, se proprio non vogliamo credere alla storia delle luci, possiamo dare sfogo alla fantasia nel cercare di spiegare come mai ci sia un triangolo in un cratere. Tuttavia, non  abbiamo ragioni per credere che queste ipotesi siano vere.

Il triangolo potrebbe per esempio essere una stazione della NASA stessa,  tenuta nascosta perché usata per testare le fragranze dei profumi su cuccioli di foca. La struttura potrebbe essere il luogo in cui sono stati rinchiusi Michael Jackson, Jim Morrison e Bin Laden dopo l’ufficializzazione della loro morte. Tutto è valido fino a prova contraria certo, ma quanto crederemmo a queste congetture?

TAG:

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti