Imperdibili

Perché l'acqua che scorre stimola stimola la pipì?

Il suono dell'acqua che scorre stimola davvero la pipì? Sembra proprio di sì e la conferma ora giunge anche da alcuni studi scientifici

Fonte: pixabay

L’acqua stimola senza dubbio la pipì: ormai è un dato certo e ognuno di noi, almeno una volta nella sua vita, ne avrà avuto conferma. Indipendentemente dalla situazione o dal luogo in cui ci troviamo, sentire il rumore dell’acqua corrente è un invito quasi immediato a fare una piccola sosta in bagno e questo fenomeno è estremamente curioso. Pensavamo non ci fosse una spiegazione logica a tutto questo e, invece, la scienza è pronta a fornirci adeguate motivazioni in proposito, grazie agli studi approfonditi di alcuni psicologi ed urologi che si sono interessati all’argomento.

Il contributo più esauriente è stato fornito da Ivan Pavlov, un fisiologo russo, che si è servito di un apposito esperimento sui cani per spiegare i meccanismi che stanno alla base di questo comportamento. La sua intenzione era di dimostrare come ai cani venisse la cosiddetta “acquolina in bocca”, se messi in condizione di comprendere che era giunta l’ora del pasto attraverso un preciso segnale. Pavlov scoprì che i cani capivano che era il momento di mangiare appena sentivano suonare le campane di San Pietroburgo. Questo loro atteggiamento ha permesso al fisiologo di comprendere che si manifestava un “riflesso condizionato” nel momento dell’associazione tra stimolo e pensiero e lo stesso discorso sarebbe valido anche per gli esseri umani.

Il motivo per cui l’acqua che scorre stimola la pipì sarebbe da attribuire, quindi, ad un riflesso condizionato. Ricordiamo, infatti, che da bambini quasi ognuno di noi ha collegato il rumore dello sciacquone con la necessità di andare in bagno e liberare la vescica. Questa è l’ennesima dimostrazione delle straordinarie capacità di cui è dotato il cervello umano che, in questo caso, dimostra di essere in grado di controllare e gestire anche i nostri bisogni fisiologici, oltre a quelli sociali. Riflesso condizionato e meccanismo di associazione sono, quindi, le risposte alla nostra domanda iniziale e questo vale per ogni individuo.

Inoltre, gli psicologi hanno aggiunto un ulteriore particolare nello spiegare il motivo per cui l’acqua corrente stimola la pipì: fare in modo che la nostra vescica si liberi, provoca un’immediata sensazione di appagamento e il semplice suono dell’urina che scorre genera una reazione positiva e di soddisfazione. In questo modo, si spiega ancora meglio il meccanismo dell’associazione, che sorge spontanea specialmente se la conseguenza è il raggiungimento di uno stato di benessere. Ivan Pavlov era convinto di queste affermazioni e anche noi non dovremmo avere dubbi in proposito, dato che questa teoria è stato elaborata da un grande esperto, che nel 1904 ha ricevuto il premio Nobel per la medicina.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati