Tech

Cellulare in acqua? Ecco come rimediare al danno

Se vi è caduto il cellulare in acqua, prima di ricomprarlo provate ad eseguire questi pochi e semplici passaggi. Vediamo insieme cosa fare

Il vostro cellulare è caduto in acqua? Prima di buttarlo via e comprarne uno nuovo provate ad eseguire questi semplici passaggi per cercare di recuperarlo. Anche se la prima cosa che vi verrà voglia di fare è quella di utilizzarlo per vedere se funziona, non fatelo perché potreste danneggiare ancora di più i componenti hardware. Al contrario, il primo passaggio fondamentale da fare è quello di spegnere il telefono per evitare ulteriori danni.

Una volta spento cercate di muoverlo il meno possibile in quanto più lo agitate e più aumenta la probabilità che l’acqua rimasta sotto la scocca si diffonda su tutto il dispositivo, aumentando di conseguenza la probabilità di fare qualche danno serio. Subito dopo aver spento il vostro cellulare caduto in acqua, adagiatelo su un piano in posizione verticale in modo che l’acqua scenda verso il basso.

Subito dopo togliete tutte le parti removibili come ad esempio la custodia, la scheda SD, la Sim e la batteria. Dopo aver rimosso tutte le componenti mettetele ad asciugare separatamente: più parti del telefono vengono esposte all’aria e più sarà veloce il processo di asciugatura. Una cosa da non fare assolutamente è quella di provare ad asciugare l’acqua nel cellulare utilizzando il forno a microonde oppure il phon: infatti il calore deforma i circuiti e può sciogliere i componenti hardware.

Il prossimo passaggio consiste nel provare ad aspirare l’acqua con un piccolo aspiratore. Nel fare questa operazione ricordatevi di scuotere il meno possibile il telefono. A questo punto per completare il processo di asciugatura prendete una ciotola, riempitela con il riso e mettete al suo interno il vostro telefono; in alternativa al riso potete anche usare le bustine in gel di silice, che spesso si trovano all’interno delle scatole delle scarpe. Questo passaggio è fondamentale perché sia il riso che le bustine in gel di silice hanno delle proprietà che permettono di assorbire sia l’umidità che i liquidi.

L’ideale sarebbe lasciare il cellulare caduto in acqua all’interno della ciotola di riso per almeno un paio di giorni, in modo che venga rimosso tutto il liquido. Dopo aver aspettato il tempo necessario, provate ad accendere il telefono. Se dovesse apparire ancora umido rimettetelo nella ciotola e aspettate ancora qualche giorno.

Questo è il momento della verità: se il telefono non si accende probabilmente avrete bisogno dell’assistenza o di ricomprarlo. Se invece il telefono si accende provate ad avviare tutte le applicazioni, azionate la fotocamera e riproducete i file audio per verificare che non ci siano stati danni ai componenti.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati