Tech

In memoria della porta VGA, dopo 30 anni va in pensione

La porta VGA è sparita dalle schede madri da qualche mese: dopo anni di servizio l'adattatore grafico è stato bocciato dai nuovi processori

Fonte: flickr

Dopo trent’anni di utilizzo diciamo addio alla VGA, la scheda grafica più utilizzata nell’ambito informatico. La porta VGA, acronimo di Video Graphics Array, è stato il più diffuso standard grafico nella storia dei computer. Forse non molti l’hanno notato ma nelle schede madri immesse nel commercio da qualche mese, i produttori hanno deciso di non includere più la porta VGA. Il primo a decidere di non volersi più avvalere del supporto della porta VGA è stato il produttore Intel che, con il debutto dei nuovi processori di ultima generazione Skylake, ha deciso di non integrare il vecchio adattatore grafico.

Subito dopo Intel, anche gli altri produttori di schede madri si sono uniti alla decisione e hanno sostituito la porta VGA con la più moderna tecnologia HDMI. Ma come è nata la porta VGA? Forse non tutti lo sanno, ma questo adattatore grafico è stata la prima rivoluzione video nel campo dell’informatica. Infatti prima del suo debutto non c’era uno standard grafico predefinito, in quanto ogni produttore di schede madri utilizzava una tecnologia diversa in base alle proprie esigenze e specifiche tecniche.

Fino al suo debutto, che è avvenuto nel 1987, la risoluzione video dei computer era pessima. Le aziende produttrici di schede madri si affidavano a tecnologie come l’EGA, uno standard grafico che aveva una risoluzione massima di 640 x 350. Fu l’azienda americana IBM nell’aprile dell’anno 1987 a creare le prime schede madri con tecnologia ps2 dotate di porta VGA. Grazie alla sua potenza e alla sua versatilità questo standard grafico fu subito apprezzato dagli altri produttori di schede madri e venne, nel giro di poco tempo, adottato da tutti. Quando parliamo di porta VGA viene da pensare ad un connettore presente in computer e proiettori.

Inizialmente però era stata creata per un altro utilizzo: questa scheda grafica non era nient’altro che una tecnologia che permetteva di trasmettere le informazioni dalla Ram al monitor del pc. Questa scheda grafica deve principalmente il suo successo ai videogiochi che supportavano la risoluzione 640 per 480 a 16 milioni di colori. La porta VGA ha resistito per quasi trent’anni vedendo sparire floppy disk, porte seriali e porte parallele. Dopo anni di onorata carriera questa scheda grafica è stata sostituita dalla tecnologia HDMI, in grado di adattarsi ai nuovi standard qualitativi nei nostri giorni.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati