2, 2, 3, 2, 4, 1, 0 trend

La storia di Jake, il bimbo che per sopravvivere deve correre

Jake Vella è un bambino di 7 anni che per sopravvivere deve partecipare a maratone e gare di triathlon

Fonte: Twitter

Jake Vella ha sette anni e per sopravvivere deve correre. Questo bambino infatti è affetto da una rara malattia ormonale che lo porta ad ingrassare anche se fa sport e mangia in modo sano. Per impedire l’aumento di peso, e i problemi che ne conseguono, l’unica cosa che Jake può fare è partecipare a maratone e gare di triathlon.

La famiglia di Jake ha scoperto che soffriva di questa malattia circa tre anni fa, quando in soli sei mesi il bambino è ingrassato dieci chili, nonostante seguisse già una dieta a base di frutta e verdura. Dopo diverse analisi e visite mediche, gli esperti hanno diagnosticato al bambino la sindrome ROHHAD (Rapid-onset Obesity with Hypothalamic dysfunction, Hypoventilation and Autonomic Dysregulation, ossia la sindrome da obesità a esordio rapido-disfunzione ipotalamica-ipoventilazione-disregolazione autonomica). Si tratta di una malattia molto rara di cui si contano solo 75 casi al mondo e che non ha una cura. Chi ne soffre ha un’aspettativa di vita tra i 5 e i 9 anni.

Nonostante la situazione sia difficile però Jake non ha nessuna intenzione di mollare e sa che, anche se non esiste una cura alla malattia, c’è comunque un modo per diminuire gli effetti. Come? Partecipando a maratone e gare di triathlon.

“Il triathlon aiuta Jake a essere in forma ed attivo, è positivo per la sua salute e gli dà una possibilità di socializzare con gli altri – ha spiegato la madre -. Si allena con la Malta Youth Triathlon Association tre volte a settimana, ed è diventata una seconda famiglia per lui”.

“È estremamente positivo e motivato – ha raccontato l’allenatore di Jake -. Non manca mai un allentamento senza motivo ed è sempre desideroso di allenarsi. Jake è un bambino adorabile che si fa voler bene da chiunque lo conosce. È molto triste quello che deve passare. Guardo alla sua famiglia con un misto di compassione ed ammirazione – ha concluso lo sportivo -: nonostante le difficoltà fanno del loro meglio per assicurare che Jake possa avere una vita più normale possibile”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti