Imperdibili

Lando Buzzanca, protagonista degli anni Settanta

Gerlando Buzzanca, per tutti Lando, originario di Palermo, è uno degli attori cinematografici più noti e popolari della commedia italiana degli anni Settanta

Gerlando Buzzanca, chiamato da tutti Lando, è nato a Palermo il 24 agosto del 1935. Sia il padre che lo zio erano attori. Studia nella sua città natale fino a 17 anni e poi si trasferisce a Roma per frequentare l’accademia di recitazione Sharoff. Parte da qui il suo sogno di intraprendere una carriera in ambito teatrale e cinematografico.

Inizia come comparsa in film come Ben Hur per poi essere chiamato da Pietro Germi nel 1961 per recitare nel film Divorzio all’italiana e, di seguito, in Sedotta e abbandonata. Non sempre i suoi ruoli sono di primo piano e spesso interpreta la figura stereotipata del maschio siciliano un po’ ingenuo, venendo quindi definito come caratterista di film di serie B.

Nonostante le critiche non sempre positive Lando Buzzanca inizia a lavorare anche in tv in coppia con Delia Scala riscuotendo, con la sua vena comica, il favore del grande pubblico. La svolta nella sua carriera arriva nel 1971 quando interpreta il film Il merlo maschio diretto da Pasquale Festa Campanile. Ottiene con questo lavoro una notorietà in ambito internazionale al fianco di Laura Antonelli. In seguito reciterà con attrici del calibro di Catherine Spaak, Barbara Bouchet e Joan Collins. Buzzanca sceglie in autonomia i ruoli che vuole interpretare, tratteggiando in divertenti parodie personaggi come arbitri, sindacalisti e magistrati realmente esistiti.

Nella seconda metà degli anni Settanta riduce la sua presenza nelle produzioni cinematografiche e si dedica alla radio ottenendo riscontri favorevoli. Dopo alcune apparizioni in teatro, nel 2005 torna in tv con la fiction dal titolo Mio figlio. Si tratta di un vero e proprio successo, tanto che Buzzanca prende parte anche al sequel.

Nel 2007 torna al cinema e, per la sua interpretazione nel film I Viceré, di Roberto Faenza, Lando Buzzanca è candidato al David di Donatello come miglior protagonista e la stampa estera gli assegna il Globo d’oro. Il 7 agosto 2013 Lando Buzzanca viene ritrovato in casa privo di sensi e con le vene tagliate. Ad un anno di distanza confermerà lui stesso che si trattò di un tentativo di suicidio. Nella sua apparizione nella trasmissione La vita in diretta su Rai 1 il pubblico gli dedica una standing ovation. All’inizio del 2016 prende parte alla trasmissione Ballando con le stelle seguendo l’esempio di altri personaggi famosi che in precedenza avevano partecipato allo spettacolo di Milly Carlucci.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati