Imperdibili

Le carte Pokemon che collezionavate potrebbero avere un valore

Collezionare le carte Pokemon era uno dei passatempi più gettonati dai bambini degli anni '90. Oggi alcune di queste possono valere una fortuna: ecco come effettuare una valutazione

Fonte: flickr

Chi ha vissuto la propria infanzia negli anni ’90 saprà che le carte Pokemon erano un must per tutti i bambini. Oltre ad essere dei pezzi da collezione, erano utilizzate per creare avvincenti sfide che venivano vinte da chi deteneva i Pokemon più forti. A distanza di circa 20 anni dalla data della messa in commercio della prima serie di carte, è possibile effettuare una stima e vedere quanto queste possano valere.

Dando una prima occhiata ai vari annunci postati sul web, ci si può accorgere che alcune carte Pokemon possono essere ben stimate. Tra queste, se ne ricorda una in particolare, venduta all’asta a 20.000 dollari. Il prezzo, seppur folle, è giustificato dal fatto che è una carta rarissima: si tratta, infatti, di una delle 6 Illustrator raffiguranti Pikachu date in premio ai vincitori del Pokemon Card Illustration Contest.

Non tutte le carte Pokemon, però, valgono una fortuna. Bisogna, pertanto, andare alla ricerca di quelle più rare, magari appartenenti alla prima edizione. Per identificarne le più preziose, è necessario controllare i simboli posti in basso a destra. Quelli più diffusi sono il cerchio e il diamante e stanno ad indicare le carte più comuni.

Le carte Pokemon più preziose sono quelle su cui sono state poste o una stella H o tre stelle: queste sono delle vere e proprie rarità, che possono valere anche molto. In presenza di altri simboli, bisogna effettuare una ricerca più appurata, in quanto il loro valore può andare da pochi centesimi fino ai 100 dollari a seconda della tipologia della carta.

Attenzione anche alle carte olografiche: queste, così come le rare, sono molto ben stimate. Cercate, dunque, sia le holo, caratterizzate da uno strato patinato sul disegno, che le reverse holo, che hanno di luccicante solamente lo sfondo attorno alla figura del Pokemon. Lo stesso discorso vale per le carte che hanno l’olografia lungo tutto il bordo.

Un altro fattore che incrementa il valore della carta è la presenza di simboli o parole extra posti accanto al nome: in particar modo, cercare le diciture ex, ☆, LV.X, o LEGEND. Controllate, nella valutazione, anche il numero di serie. Le carte rare si contraddistinguono dal fatto che presentano il primo numero più alto del secondo (ad esempio 65/64). La stima del valore viene, infine, influenzata dalla condizione della carta: varranno di più quelle senza segni di usura.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati