Sport

Scheda Classius Clay: l'atleta del secolo

Cassius Clay è stato uno dei pugili più importanti della boxe mondiale. Medaglia d'oro a Roma 1960 e campione mondiale dei pesi massimi

Fonte: Wikipedia

Cassius Clay nasce a Lousville, nella città più grande dello stato del Kentucky, il 17 gennaio 1942. Si avvicinò alla “nobile arte” appena dodicenne, notato da un poliziotto della città. Cassius Clay impiegò poco tempo a mostrare il suo talento: veloce di piedi, rapido nei movimenti e dotato di un allungo che sorprendeva gli avversari.

Poco più che diciottenne partecipò alle Olimpiadi di Roma 1960: alla prima manifestazione ufficiale Cassius Clay conquistò la medaglia d’oro nella categoria mediomassimi. La vittoria dell’Olimpiade lo convinse ad abbracciare la carriera da professionista. Dopo 4 anni trascorsi nelle serie minori, Cassius Caly poté finalmente sfidare il campione del mondo in carica dei pesi massimi, la categoria regina del pugilato. Lo sfidante Sonny Liston aveva il favore dei pronostici, ma Cassius Clay ribaltò la situazione e lo sconfisse in sole 7 riprese.

Il giorno seguente il giovane pugile statunitense decise di convertirsi alla religione islamica e di cambiare il proprio nome in Muhammad Ali . Nel 1965, ci fu la rivincita con Sonny Liston: il match è passato alla storia per il pugno fantasma dato da Muhammad Ali al suo avversario durante la prima ripresa dello scontro e che ne decretò la sconfitta. Gli anni successivi segnarono il dominio del pugile statunitense che difese per 8 volte il titolo di campione del mondo.

Nel 1967, Muhammad Ali fu condannato a 5 anni di carcere per il suo rifiuto a partecipare alla guerra in Vietnam, che gli costò anche il ritiro della licenza da pugile. Tornato sul ring nel 1971, sfidò Joe Frazier per la conquista del titolo mondiale. Nello scontro del secolo, Alì perse alla quindicesima ripresa. La rivincita tra i due pugili si svolse il 28 gennaio 1974: Muhammad Ali finalmente sconfisse Frazier e nell’ottobre dello stesso anno sfidò Foreman per il titolo di campione del mondo. Il match si disputò nello Zaire, in uno stadio che conteneva oltre centomila persone. Dopo uno scontro cruento durato 8 riprese, Ali riuscì a mettere a terra Foreman e a conquistare la corona dei pesi massimi. L’anno successivo, il campione dei massimi incontrò per la terza volta Frazier, questa volta a Manila, nelle Filippine: alla quindicesima ripresa, Muhammad Ali riuscì a sconfiggere l’avversario. Fu l’ultimo grande incontro del pugile venuto da Lousville. Muhammad Alì ha terminato la carriera con 56 vittorie in 61 incontri.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati