Viaggi

Vietnam: geografia, storia dell'indipendenza e cultura

Uno sguardo ad alcune informazioni storiche e culturali del Vietnam, affascinante nazione orientale: unione di antichità e modernità

Fonte: pixabay

Il Vietnam ha una storia ricca e suggestiva, come accade ad altri luoghi, un po’ ovunque sul pianeta Terra. Certo, la guerra americana in Vietnam ha catturato l’attenzione dell’Occidente, ma molti secoli prima in Vietnam ci fu la demolizione ad opera dei cinesi, i khmer, la Chams e i mongoli.

La civiltà vietnamita è sofisticata tanto quanto quella del suo potente vicino del nord, la Cina, dalla quale ha ricevuto molte influenze sotto un’occupazione millenaria. Più tardi è arrivata la Francia e un periodo di colonialismo umiliante da cui il Vietnam non è uscito fino alla seconda metà del 20° secolo.

Gli americani erano semplicemente gli ultimi di una lunga serie di invasori passati attraverso i secoli e, a prescindere da ciò che ha comportato, anche loro sarebbero stati sconfitti. Se solo i potenti di Washington avessero prestato un po’ più di attenzione alla storia di questa nazione molto orgogliosa, il Vietnam avrebbe potuto evitare il trauma e la tragedia di una guerra terribilmente brutale.

Geografia

Il Vietnam si trova nell’estremità sud-orientale della penisola indocinese e ha una forma a S. Con una linea costiera di 3.260 chilometri, escluse le isole, il Vietnam sostiene 12 miglia nautiche come il limite delle sue acque territoriali, altri 12 miglia nautiche a contigui costumi e zone di sicurezza e 200 miglia nautiche come una zona economica esclusiva.

Il confine con il Laos, abbozzato dai governanti del Vietnam e del Laos nella metà del XVII secolo, è stato formalmente definito da un trattato di delimitazione firmato nel 1977 e ratificato nel 1986. La frontiera con la Cambogia, definita al momento di annessione francese della parte occidentale del delta del fiume Mekong nel 1867, è rimasta sostanzialmente invariata fino a quando alcune questioni di confine irrisolte sono state finalmente risolte nel periodo 1982-1985. Il confine terra e mare con la Cina, delineato in base ai trattati Francia-Cina del 1887 e del 1895, è “la linea di frontiera” accettata sia da Hanoi sia dalla Cina.

Indipendenza del Vietnam

Durante tutto il periodo coloniale, un desiderio di indipendenza ribolliva sotto la superficie. Vivissime aspirazioni nazionaliste spesso sfociarono in aperta sfida ai francesi. La corte imperiale di Hue, anche se piuttosto corrotta, era un centro di sentimento nazionalista. La storia del comunismo vietnamita, che per molti versi è anche la biografia politica di Ho Chi Minh, è complicata.

Semplificando, il primo raggruppamento marxista in Indocina fu la Lega Rivoluzionaria della Gioventù del Vietnam, fondata da Ho Chi Minh a Canton, in Cina, nel 1925. A questa succedette, nel febbraio del 1930, il Partito comunista vietnamita. Nel 1941 fu costituita la Lega per l’Indipendenza del Vietnam, meglio conosciuta come il Viet Minh, che resistette contro i giapponesi e svolse ampie attività politiche durante la Seconda Guerra Mondiale.

Nonostante il programma nazionalista, il Viet Minh era, fin dall’inizio, dominato dai comunisti di Ho. Tuttavia Ho era pragmatico, patriottico e populista e soprattutto aveva compreso la necessità di un’unità nazionale. Alla fine della guerra, nel mese di agosto 1945, un vuoto di potere si creò in Vietnam. Sfruttando questo momento, il Viet Minh lanciò la cosiddetta Rivoluzione di agosto.

L’imperatore abdicò il 25 agosto 1945, ponendo fine alla dinastia Nguyen. Il 2 settembre 1945, a Ba Đình Square, Ho Chi Minh, leader del Viet Minh, ha dichiarato l’indipendenza del Vietnam sotto il nuovo nome della Repubblica Democratica del Vietnam (DRVN) in un discorso che ha richiamato la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d’America e la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino della Rivoluzione Francese.

Capitale Vietnam

Hanoi, la capitale del Vietnam, fonde senza sforzo il volto dinamico della nuova Asia con l’atmosfera esotica della vecchia Asia. Il moderno e il medievale coesistono in modo positivo per le strade della capitale vietnamita.

Nel centro storico, i venditori continuano ad aprire negozi sul groviglio di strade come hanno fatto per quasi un secolo, la gente del posto con i tradizionali cappelli conici sfreccia sulle biciclette, gli uomini dalla barba grigia si sfidano a giochi di scacchi sulle rive del lago Hoan Kiem e si fa festa nei ristoranti eleganti, prima di ballare gli ultimi successi nelle discoteche di grido.

Hanoi è il luogo in cui il paradosso del Vietnam moderno prende vita, e la capitale ha tutto: storia antica, l’eredità di un passato coloniale e una visione moderna che guarda ottimista verso il futuro.

Lascia un commento

I più cliccati