Imperdibili

Come eseguire il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca

Breve guida che mira a spiegare come eseguire, in modo corretto, il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca al fine di salvare delle vite

Fonte: pixabay

Per eseguire correttamente un massaggio cardiaco, semplice manovra che spesso potrebbe essere in grado di salvare vite umane, come prima cosa dobbiamo esser sicuri che la persona bisognosa di tale soccorso sia messa nella posizione corretta. L’ideale infatti sarebbe posizionarla con la pancia rivolta verso l’alto, al fine di garantire una maggiore semplicità nei movimenti che dovranno essere effettuati durante la manovra. Successivamente, assicuratevi che la persona sia cosciente. Un buon metodo potrebbe essere quello di chiamarla o di scuoterla con gentilezza per assicurarsi che reagisca agli stimoli esterni.

Il passo successivo prevede di inclinare la testa del paziente verso l’indietro, questo garantirà l’apertura delle vie aeree. Appena effettuata tale manovra controllate che non vi siano ostruzioni che impediscano l’ingresso dell’aria nella bocca della persona soccorsa. Fatto ciò, poggiate una mano sul polso dell’individuo per constatare il ritmo delle sue pulsazioni, controllate il battito cardiaco e avvicinate con cautela l’orecchio alla sua bocca osservando la cassa toracica. Assicuratevi che respiri in modo corretto e se così facendo non riuscite a scorgere alcun respiro, praticate immediatamente il massaggio cardiaco.

Effettuare un massaggio cardiaco è un’operazione che potrebbe essere richiesta, durante l’attesa dei soccorsi, nel caso in cui vi siano casi di infarti in corso. Per prima cosa, non dovrete far altro che appoggiare due mani una sopra l’altra, in corrispondenza del centro della cassa toracica del paziente. Le braccia devono rimanere il più possibile tese, in posizione perpendicolare rispetto al torace del soggetto. Per eseguire la manovra occorre che comprimiate il torace con forza per circa tre volte.

Fatte queste compressioni, avvicinatevi alla bocca del soggetto per praticare la respirazione bocca a bocca. Tappate il naso del paziente soccorso e soffiate con forza un adeguato quantitativo d’aria all’interno della sua bocca per tre volte consecutive. Soffiando con la giusta forza, potrete notare che il torace del soggetto si muove, espandendosi e rilassandosi. Tale manovra deve essere ripetuta più volte, finché la persona non inizia a respirare in modo autonomo o finché non giungono gli aiuti dal pronto soccorso.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati