Viaggi

Documenti e costo della vita in Nuova Zelanda

Posti bellissimi e grandi aspettative, ecco tutto ciò che ci attende nella remota Nuova Zelanda

Fonte: google

L’economia della Nuova Zelanda sta registrando negli ultimi anni una forte espansione, mentre in passato era fondamentalmente basata sull’agricoltura. Oggi il paese è invece una florida realtà industriale.

Il turismo è stato un importante tassello in questa incredibile svolta economica, con un afflusso di turisti concentrato per lo più nel periodo invernale. Per quanto riguarda i costi, se volete risparmiare potete alloggiare all’interno di qualche ostello, i cui prezzi sono di circa 40€ per notte, esclusi ovviamente i pasti.

Costo della vita

Per chi invece ama i comfort i costi si aggirano intorno ai 90€ per notte, compresi i pasti. In media il costo della vita non è poi così differente rispetto a qualsiasi altra realtà europea. In Nuova Zelanda ad esempio lo stipendio medio è di 30.351 dollari, pari a 27.000,00 euro, ma la percentuale delle tasse è solo del 16%.

Infatti in Italia quest’ultime sono circa il 20% dello stipendio e un altro 10% è destinato ai contributi sociali. Ne deriva come sappiamo che, a differenza degli altri Paesi Ocse, in Italia non c’è un’equa relazione tra stipendio e tasse.

Come si vive in Nuova Zelanda

Lo stile di vita qui è nettamente differente rispetto all’Italia o ad atri paesi europei poiché si è assolutamente lontani dallo stress o la vita è vissuta in modo molto diverso. Qui inoltre, una curiosità è che ci si sposta prevalentemente a piedi nudi.

Una delle destinazioni più richieste è Auckland. Certo non appena ci si trasferisce qui, bisogna un attimo fare i conti con un clima differente soprattutto per quanto riguarda le stagioni, ma col tempo ci si adatta!

Sono in molti a giungere qui per mezzo di un Working Holiday Visa un visto vacanza/ lavoro, per cui una volta giunti a destinazione, per legge è necessario fare un’assicurazione sanitaria privata. Una volta poi ottenuta la residenza, si ottiene l’assicurazione privata tramite il lavoro.

I residenti neozelandesi hanno diritto a ricevere trattamenti ospedalieri gratuiti, sconti per le medicine e assistenza per i disabili. I fondi governativi coprono visite mediche, l’assistenza dentistica per i bambini in età pre-scolare, scuola primaria e secondaria. Le medicine vengono quinti parzialmente finanziate dal governo e sono gratis per i bambini al di sotto dei sei anni di età.

Tuttavia molti cittadini neozelandesi preferiscono stipulare un’assicurazione medica privata per evitare le liste d’attesa del sistema pubblico. Ottenere la residenza è indubbiamente un vantaggio poiché si riducono i costi per molti servizi.

Per quanto riguarda le sue bellezze naturali, la Nuova Zelanda offre dei paesaggi meravigliosi e proprio ad esempio ad Auckland le spiagge sono bellissime. Vi sono poi parchi nel centro della città, a poco più di mezz’ora in auto si giunge sulla costa ovest, sul Mar di Tasmania, uno spettacolo.

Il costo della vita non è particolarmente alto, gli stipendi sono un po’ più alti di quelli italiani, gli affitti delle case sono medio-alti, i costi per ristoranti e pub sono il linea di massima simili a quelli che si trovano in Italia.

Nei supermercati però i costo sono alquanto elevati perché non c’è molta competizione e gran parte dei cibi sono importati. Acquistare qui una casa non è particolarmente economico, in compenso i costi nel settore dell’abbigliamento sono assai bassi, anche perché in questo paese è molto diffuso il concetto di seconda mano.

Come trasferirsi in Nuova Zelanda

Vi diamo alcune indicazioni su quali siano i documenti importanti da possedere se decidete di trasferirvi in Nuova Zelanda. Vi servirà un passaporto con validità minima di 3 mesi, se partite invece con l’idea di trattenervi per oltre 90 giorni, allora avrete bisogno di un visto.

Le ambasciate e consolati italiani a cui rivolgersi hanno sede a Milano e Roma. Per il resto, una volta giunti nel paese troverete sicuramente oltre ad una sistemazione dove alloggiare anche delle opportunità di lavoro. Chiaramente se siete giovani e non avete ancora un elevato titolo di studio, dovrete adattarvi, ma non sarà impossibile trovare un part-time.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati