Imperdibili

I quadri più famosi: composizione e caratteristiche peculiari

Leonardo da Vinci, Vassily Kandinsky, Francesco Hayez e molti altri. Una guida alla scoperta dei quadri più belli e conosciuti

Fonte: google

L’Italia è indiscutibilmente la patria dell’arte. Tra i quadri più celebri, c’è La Gioconda di Leonardo da Vinci, che dopo secoli continua a far discutere circa l’enigma del suo sorriso. Poi abbiamo la Primavera e la Nascita di Venere di Sandro Botticelli, due capolavori senza tempo e riprodotti in tantissime versioni.

Il Tiziano, invece, ci ha fatto dono della Venere di Urbino, che esalta la femminilità della donna. Raffaello Sanzio è l’autore di un favoloso affresco intitolato Scuola di Atene, situato all’interno della Stanza della Segnatura, una delle quattro Stanze Vaticane. Quelli appena citati, sono solo alcuni dei capolavori italiani.

National Gallery e Louvre

La National Gallery di Londra si trova a Trafalgar Square ospita 2.300 quadri di tantissime epoche, a partire dal dodicesimo secolo fino ai giorni nostri. Qui spiccano Venere e Marte dell’italiano Sandro Botticelli, Diana e Atteone e La morte di Atteone di Tiziano e San Giorgio e il Drago di Paolo Uccello. Nella National Gallery si trovano anche opere di Vermeer, come La donna seduta alla spinetta e La donna in piedi alla spinetta di Rembrandt e La Deposizione di Cristo nel Sepolcro di Michelangelo Buonarroti.

Anche il museo del Louvre di Parigi ospita diversi capolavori dell’arte italiana, primo fra tutti La Gioconda di Leonardo Da Vinci. Sempre dello stesso autore, ci sono anche La Vergine delle Rocce e la Belle Feronniére. Di Raffaele Sanzio, invece, abbiamo la Belle Jardiniére e il Ritratto di Baldassarre Castiglione.

Quadri sull’autunno

Un quadro molto famoso sull’autunno è firmato Vassily Kandinsky. Fiume d’autunno, è un dipinto dei primi anni del 900 e appartenente a un periodo di formazione, quando Kandinsky era ancora uno studente dell’Accademia di Monaco. In questo periodo, l’artista veniva soprannominato ‘il colorista’ per via dell’uso di tinte molto forti, le stesse che lo portarono alla realizzazione delle sue famosissime opere astratte apprezzate in tutto il mondo.

Giuseppe Arcimboldo è un pittore noto per le sue “teste composte”, ossia ritratti realizzati componendo frutta, verdura e oggetti vari. Arcimboldo ha realizzato quattro volti, ognuna raffigurante una stagione. Per rappresentare l’autunno ha utilizzato tralci d’uva, zucche, funghi, pere e tutti gli elementi relativi a questo periodo dell’anno, componendo una figura allegorica dai tratti arcigni ma molto suggestiva. L’autunno di Giuseppe Arcimboldo è conservato al Denver Art Museum.

Quadri famosi sull’amore

Il quadro più rappresentativo ed evocativo sull’amore è Il bacio di Gustav Klimt, un vero capolavoro di oro e mosaico. I protagonisti dell’opera sono un uomo e una donna innamorati. Il quadro rappresenta l’uomo intento a baciare la donna, leggermente ritrosa ma compiaciuta del gesto d’amore. A giudicare dall’abbigliamento e dai lineamenti dei soggetti raffigurati, si è ipotizzato che il quadro sia la rappresentazione dello stesso Klimt e la sua amante.

Questo capolavoro è uno dei quadri più riprodotti di sempre. Di stile diverso, ma non per questo meno conosciuto è Il Bacio di Francesco Hayez, i cui protagonisti hanno ispirato il disegno sulla scatola de I Baci Perugina. In questo caso, i due giovani innamorati si stringono in un bacio affettuoso e passionale allo stesso tempo.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati