Viaggi

Lago di Braies: un mare di escursioni a contatto con la natura

Lago di Braies: tutte le informazioni sul luogo e i consigli sulle escursioni da fare per un week end strepitoso, all'insegna della natura e del relax

Fonte: google

Il lago di Braies è davvero un gioiellino naturalistico. Nel cuore della Val Pusteria, si trova a 1.496 metri sul livello del mare, in provincia di Bolzano, nel comune di Braies, che dista dal capoluogo di provincia circa 100 chilometri.

Si tratta di un lago naturale che si apre ai piedi della Croda del Becco, immerso nella cornice naturalistica del Parco naturale Fanes – Sennes e Braies. Questo lago, vera e propria perla delle Dolomiti, è visitato durante tutto l’anno da diversi appassionati di montagna e soprattutto da tutti coloro che desiderano scoprire i luoghi magici e ancora incontaminati.

La sua estensione è ridotta, parliamo di 30 ettari circa (più esattamente, lunghezza 1,2 km e larghezza 400 m). Non è esteso, certo, ma si tratta di uno dei laghi più profondi della zona, dal momento che conta 36 metri di profondità massima.

Ovviamente le sue acque incontaminate e limpide, oltre che il magnifico scenario naturale in cui è collocato, fanno del lago di Braies un’attrazione naturale davvero senza pari nella zona.

Dove si trova

Va fatta una precisazione: la Val Pusteria comprende al suo interno una frazione, chiamata Valle di Braies, in cui effettivamente sorge l’omonimo specchio d’acqua. Si tratta di una valle posta al principiare dei comuni di Monguelfo e Villabassa e che si estende poi in direzione meridionale. Qui troviamo diversi pascoli liberi, dei colori mozzafiato e dei borghi incontaminati, oltre a diverse locande tipiche e masserie d’altri tempi.

Ciò che in molti non sanno è che Braies è anche una località termale: qui negli anni passati trovavamo infatti i Bagni di Braies Vecchia, oggi purtroppo chiusi. Tuttavia, chi vuole staccare la spina, può ritemprarsi grazie a alle numerose e rilassanti attività praticabili in zona.

Clima

Per chi cerca previsioni meteo è facile contare su due punti chiave: l’estate è fresca e ventilata – ricordiamoci che ci troviamo sempre sulle Dolomiti e a quasi 1.500 di altitudine – mentre l’inverno è rigido e capita molto spesso che il lago si copra di uno strato di ghiaccio che lo rende davvero una cartolina adorabile.

Sciare

Il Lago di Braies è visitabile anche in inverno, ideale per coloro che praticano sci di fondo, ad esempio. Le piste sono ben tenute e tracciate con dovizia e tagliano direttamente lungo la valle, per darci modo di coniugare una sessione di sport ad una di pura ammirazione per il magico paesaggio invernale di Braies. Per coloro che non vogliono o che non se la sentono di mettere gli sci ai piedi, Braies in inverno offre molte altre attrattive: una su tutte è la classica passeggiata in slitta trainata da cavalli.

Escursioni

Escursioni facili da effettuarsi nei mesi invernali sono ad esempio quella che parte da Ferrara di Braies oppure da San Vito e segue una strada poco trafficata sino ad arrivare a Maso Moserhof. In alternativa, partire sempre da Ferrara o Ponte Waidacher e attraversare la strada forestale fino ai bagni di Braies Nuova potrebbe essere un’idea interessante. Da qui, attraverso il primo sentiero, si giunge direttamente al Lago di Braies.

Alloggio

Gli hotel in zona sono diversi e quasi tutti in linea con la filosofia montana: alloggi in legno eco-sostenibili ricevono gli ospiti tutto l’anno a prezzi modici. Il consiglio è di tenere d’occhio le offerte e le promozioni degli alberghi ed approfittare di un weekend fuori stagione per acchiappare la tariffa più bassa.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati