0, 0, 0, 1, 0, 0, 0 trend

Le 10 canzoni più famose su Parigi

Tra le canzoni francesi quelle su Parigi sono senza dubbio molto gettonate. Ecco le 10 canzoni più famose dedicate alla Ville Lumière

Fonte: flickr

Orecchiabili e melodiche, le canzoni francesi sono decisamente apprezzate e tra i soggetti più utilizzati dai cantanti d’Oltralpe vi è senza dubbio Parigi. La capitale transalpina non è solo la città più grande e importante, ma anche uno dei centri urbani più suggestivi e artistici del mondo. Il patrimonio storico e artistico, che comprende tra gli altri la Tour Eiffel e Notre Dame, è uno dei motivi che ha spinto cantanti e autori a raccontarne la bellezza servendosi di spartiti e note musicali. Le canzoni dedicate a Parigi sono numerose e i musicisti che hanno deciso di celebrarne l’atmosfera tra i più famosi della scena europea.

Uno dei più grandi autori di canzoni francesi del Novecento è stato senza dubbio Jacques Brel, cantautore belga che però visse la maggior parte della sua vita proprio a Parigi. Prénoms de Paris è solo una delle canzoni dedicate da Brel alla capitale francese, con un testo profondo ed espressivo. Ancora più famosa fu Edith Piaf, nata non lontana dal quartiere di Montmartre e autrice della splendida Sous le ciel de Paris. Decisamente celebre è anche Rues de mon Paris, un’intima confessione delle vie parigine cantata dal duo composto da Dalida e Serge Gainsbourg.

Le canzoni su Parigi vennero realizzate pure da altri grandi cantanti transalpini, che volevano celebrare l’ispirazione garantita dalla magica città francese. Il franco-statunitense Joe Dassin volle ricordare la parte più sfarzosa e famosa della capitale in Champs Elysées, mentre Charles Trenet rimase colpito da un quartiere della parte nord, Ménilmontant, dedicandogli un breve componimento. Parigi è meravigliosa, ma Juliette Gréco invita a diffidare di lei in Méfiez-vous de Paris.

La carrellata di componenti musicali dedicati alla capitale continua con Léo Ferré, che con À Saint Germain des Prés celebra la parte più intellettuale di Parigi. Yves Montand non è tenero con la Ville Lumière e in Ville Canaille rammenta le tentazioni presenti, su tutte il quartiere di Pigalle. Sempre Léo Ferré ha ricordato il rapporto di amore e odio con la città in Paris je ne t’aime plus, mentre Joséphine Baker in Paris Chéri ricorda i lati più divertenti di Parigi.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti